HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

TRAININI VITTORIO.  Monplano, 6 marzo 1888 - 19 agosto 1969.

Da Giovanni e Virginla Bonometti, nasce Vittorio Trainini in frazione Mompiano.  E l'ambiente in cui cresce lo conduce naturalmente alla pittura, assimilando al tempo stesso, dell'umile gente dell'antico borgo, l'operosità, la spontaneità caratterizzanti l'intera sua esistenza.

A soli quattordici anni è apprendista falegname, frequenta al tempo stesso la Scuola Moretto e quindi aiuta lo zio Giuseppe, noto decoratore. (v.)

Ma il carattere indipendente lo induce a studiare le opere dei Maestri antichi, che interpreta con spirito di autodidatta.  I

S'avvicina a Gaetano Cresseri, Ronchi, Bertolotti, così come successivamente, durante i suoi viaggi di lavoro, sarà vicino ad Angelo Zanelli, Felice Carena, Bargellini, Spadini.

L'esordio avviene a vent'anni, con un lavoro presso i Fatebenefratelli, giudicato dall'Autore stesso assai modesto.  Vien quindi l'affermazione, quando è chiamato a decorare la sala rappresentante Brescia nel padiglione lombardo della Esposizione nazionale in Roma (i 91 1).

E la significativa tappa d'una attività molteplice e inesausta, rallentata soltanto dallo scoppio della prima guerra mondiale.  Riesce appena ad ultimare le decorazioni nella Camera di Commerio di Mantova.

Gli anni Venti racchiudono un periodo di assestamento nell'esistenza del pittore, che cambia più volte abitazione, si sposa con Ines Meschini (1926), dopo due anni di insegnamento alla scuola d'arte «Beato Angelico» di Milano.

Altre discipline l'attraggono: la scultura, l'architettura.

Della prima, non copiosa di frutti, resta riflesso nella produzione pittorica assai plastica; della seconda sono numerosi studi e realizzazioni, quali le chiese di Concesio, Soprazzocco, del Cappuccini, a fronte del Vantiniano.

Ma sempre più si evidenze l'affreschista ed è cosa improba seguisse passo passo la frenetica attività.  Più di cento chiese nel Bresciano, dove Trainini è intervenuto con dipinti modesti o estesi, sono ricordate dal Prof.  Schinetti: fra tante val almeno citare quelle dedicate al Sacro Cuore di via Milano, Cristo Re, S. Francesco di Paola; il Santuario delle Ancelle Adoratrici di via Moretto; ancora S. Filippo, oltre ponte Mella, quella del collegio delle suore Orsoline, di S. Maria della Vittoria, le parrocchiali di S. Giulla al Villaggio Prealpino, della Badia.

Nella provincia nostra val ricordare gli interventi nelle chiese di Gussago, Lograto, Ghedi, Montichiari, Carpenedolo, Offiaga, Borgo S. Giacomo, Orzinuovi, Nave, Odolo, Preseglie, Barghe, Sabblo Chiese, Nozza, Anfo, Lumezzane, Ponte Caffaro...

Un itinerario del quale si possono cogliere alcune tappe: come il trittico nella Cappella dell'Ospedale militare (1928); gli affreschi del Duomo di Tortona (1929); le decorazioni di Bagnolo Mella (1932) ultimate in occasione del venticinquennale della SS.  Croce.

Del 1934 si possono ricordare gli interventi in S. Francesco di Paola; seguiti a quelli nella raccolta chiesa delle Adoratrici e di poco precedenti il Giudizio i niversale.  Dopo un concorso internazionale è chiamato a decorare il Santuario del S. Cuore in Lugano; la seconda guerra mondiale gli impedisce di affrontare l'opera, compiuta soltanto al tomar della pace; ed ecco l'artista chiamato in Vaticano (1952) per dipingere la Cappella della Guardia Palatina, proseguire poi per Napoli, dove affresca l'Eremo Camaldolese, per tornare a Lumezzane (1956) la cui opera fa dire di un «nuovo capitolo nella storia dell'arte decorativa bresciana».

Il pittore è ormai settantenne ma non esita ad accogliere l'invito di salire i ponti nella nuova chiesa del Villaggio Prealpino, dove compie l'ultimo suo lavoro.

Quando il fatale declino fisico si accentua a causa di doloroso malanno, impedendogli di ancora operare, Vittorio Trainini nello studio, dove aveva

trascorso lunghe ore in letture o in meditazione, raccoglie innumerevoli fogli su cui traccia «rapidi e sagaci tocchi di penna a ricreare grupp' d' figure, da immagini di guglie e rocce, confermando così il principio che la Natura dona i modelli più veri, più suggestivi e solenni a chi sa indagarla con occhio attento e con animo sgombro da preconcetti».

Accademico virtuoso d'onore del Pantheon, socio effettivo dell'Ateneo civico di Brescia, Croce di S. Silvestro, mai Vittorio Trainini ha riposto lo spontaneo gesto cordiale, l'amichevole accento dell'antico borghigiano.  Ed al suo ricordo è stato dedicato anche un Premio di pittura.

Velocissimo esecutore, nella scia dei «quadratisti» bresciani ha ricreato fughe prospettiche;pronto a posare l'attenzione su unica figura resa con plastica evidenza entro nicchie; pronto altresì a comporre movimentate scene in cui i protagonisti spesso sceglieva fra i modelli offerti dalle località in cui si recava per dipingere: ortolani, contadini, ragazzi.

Se a volte il sontuoso colore riconduce adopera di artisti veneti, prediletti, i toni monocromi fanno invece riferimento alla valida tradizione locale capace di attingere motivo d'arte eletta dagli umori più genuini del popolo.  L'opera di affreschista ha per lungo tempo velato l'autore di quadri e l'illustratore di pregiate edizioni.  E pure, queste neglette attività progredirono si può dire parallelamente a quella che più lo fece conoscere.

Carlo Carrà, ad esempio, fin dal 1935 segnalava lavori esposti a Milano, Emilio Pasini altri accolti nelle sindacali bresciane.

Nella pittura ad olio s'accentua la scioltezza del tratto; e s'avverte una intima spiritualità nella attenuata resa plastica, nel ratteso movimento, nella più sofflisa stesura cromatica.

BIBLIOGRAFIA

«La  Sentinella bresciana», 13 dicembre 1904, I preniiati alla S(,uola Moretto.

«La  Sentinella bresciana», I I novembre 1908, Alla S(-zi(@la Moretto.

«La  Sentinella bresciana», 3 agosto 1910, Sotto(-onlilato per l'Esposi::ione del 1911 a Roma. concorso artistico.

«La  Sentinella bresciana»,6 gennaio 191 1, Sotto(@omitato per l'E,@posi-ione 1911 a Roma.

«La  Sentinella bresciana», 15 gennaio 1911, La riprodii:i@>n(, dell'a,ff@esco del Gambara per

le sale lombarde a Roma.

«La  Sentinella  bresciana», 16 maggio 191 1, Il padiglione lombardo.         La regina ha i,i,@itato la

sala bresciana.

«La Sentinella bresciana»,20 luglio 191 1, Bres(,ia alla Esposizione di Roma.

«La Sentinella bresciana», 25 luglio 1912, Brescia alla Esposi~-ione di Ro a, 1-elaziont, dal

prof. Bettoni.

«La Seiìtinella bresciana»,   20 agosto 1913, I saggi per il @,on(,(@rvo Bi-o:~-oni.

« La Sentinella bresciana», 14 maggio 1916, Esposizione d'arte modtriia. (Si veda s.f. in data 22 maggio).

«Pagine d'arie», Voi. 111, (1916), p. 78.

«ltalianissima», Riv. di Roma, a IV, n. 12, dicembre 1927, I'. l'rainipli.

«Il Popolo di Brescia», 6 giugno 1928, l'ritti(-o per la (appella dell'Ospedale lìlilitare.

P.GUERRINI, «Mefnorie stor-iche della Diocesi di Brescia», Voi. 1, (1930), pp. 236, 243. «Bollettino parrocchiale», Bagnolo Mella, N.U. per le Feste i,enti(-iizqiieii@iali d(,Ila SS. ('ro(,e, 10, Il, 12 settembre 1932.

«Il Popolo di Brescia», 30 apriìe 1933, I nuovi afft@,s(@hi Pella parro(-(,hiale di S. Fran(,es(-(@ di Pa(>Ia.

E.PASINI, Il Giudizio tiniì@ersale nella (,on(-e::i(>ne cli I'.  Ti-ainini, «Natale», 1934, N.U. Brescia.

L.FOSSATI, Il Giudizio universale di V. Trainini, «Arengo». ottobre 1935.

C.CARRA, «L'Ambrosiano», Milano, 24 gennaio 1936.

P.GUERRINI, «Memorie storiche della Diocesi di Brescia», Voi.  V, (1936), p. 155.

THIEME BECKER, Vol.  XXXIII, (1939).

«VI Mostra del sindacato prov.  B.A.», Brescia, 1942, Catalogo.

O.L. PASSARELLA, La VI mostra sindacale, «Il Popolo di Brescia», 3 maggio 1941_.

E.PASINI, Sesta sindacale delle arti, «L'Italia», 16 maggio 1942.

C.MEZZANA, Un grande qffresco del S. Cuore nel Santuario di Lugano, «L'Osservatore

romano», 2 luglio 1943.

P.GUERRINI, «Memorie storiche della Diocesi di Brescia», Vol.  Xll, (1944), p. 64. «Bollettino parrocchiale, Boggio e Bosco luganese», settembre 1948.

«L'Osservateur de Génève», 15 gennaio 1949.

C.DU MONT, Un'opera grandiosa il Santuario diocesano del S. Cuore, «La Confraternita del S. Cuore di Gesù alla Madonnetta.  In memoria di Mons.  A. Lanfranchi», 1951. «Nel primo centenario dell'erezione Canonica dell'Ist.  Ancelle della Carità», Arti grafiche B.N. Marconi, Genova, 1952.

«La Voce del popolo», 17 febbraio 1952, V. Trainini in Vaticano.

«La Voce del popolo», 7 settembre 1952, La parrocchiale di S. Michele.

«Ecciesia», Riv. illustrata, Città del Vaticano, a. XI, n. 3, marzo 1952, p. 150.

«Rivista di Lugano», a. XI, n. 19,8 maggio 1952, Sempre più in auge l'arte i(-onografica di V. Trainini.

G.VALZELLI, Un capitolo nuovo nella storia dell'arte bresciana, «Giomale di Brescia», 9 settembre 1956.

«Giomale di Brescia», 21 ottobre 1956, Se ne parla non solo a Brescia.

«La Basilica del S. Cuore, Lugano-Guida storico artistica e religiosa», Off. grafiche della Editrice Ancora, Milano, 1957.

R., L'artistica chiesa di Lumezzane, «Giomale di Brescia», 16 marzo 1957.

«La Voce del popolo», 16 marzo 1957.  Pagina centrale illustrata e scritti di A. Fappani e G. Valzelli.

«Lungo la via», Parrocchia del S. Cuore, PP.  Cappuccini, a. XXXV, n. 12, dicembre 1957. «L'Agricoltore ticinese», 18 gennaio 1958, Note d'arte.

«Educazione», fase. aprile 1958, pp. 124, 125.  Marionette.

L.SERVOLINI, Il tempio del S. Cuore a Lugano, «Arte Cristiana», a. XLVI, fase.  VIII, 1958.

0.DI PRATA, V Trainini, titano dell'af .fresco, «L'Ora serena», Brescia, gennaio 1958.

R.APICELLA, Pittura bresciana del dopoguerra, «Brescia e Provincia», a. 1958-59, p. 86.

C.B., Fuorisacco da Lumezzane, «Giornale di Brescia», 5 ottobre 1959.

G.PANAZZA, «La Pinacoteca Tosio Martinengo», Ed.  Alfieri e Lacroix, Milano, 1959.

L.SERVOLINI, V. Trainini, «Enciclopedia Motta», fase. 116, 3 gennaio 1959.

A. MAZZA, V. Trainini, «La Voce del popolo», 16 gennaio 1960.             -

«Bollettino parrocchiale - S. Maria della Vittotia», Brescia, a. III, n. 7 agosto 1960. «Bollettino parrocchiale - S. Maria della Vittoria», Brescia, a. 111, n. 8, settembre 1960.  R. BRESCIANI, Il pittore del mese, P'.  Trainini, «Biesse», a. 1, n. 2, febbraio 1961.  DIOCESI DI BRESCIA, «Chiese costruite negli anni 1934-1961», Tip.  S. Eustacchio, Brescia 1961.

G.VALZELLI, I Profeti e la i rba..., «Bruttanome», vol. 1, (1962).'

G.SCHINETTI, «S.  Giulia - per la ricorrenza del quinto anno della Comunità», Ed.

Pavoniana, Brescia, maggio 1964.

«Storia di Brescia», Vol.  IV.

R.L.(onati), I titanici monumenti di V. Trainini, «Biesse», a. VIII, n. 81, maggio 1968. «Quattro secoli del Seminario di Brescia, 1568, 1968», Tip.  S. Eustacchio, Brescia, 1968.  V.B.(runoni), Gli ottantuno anni di Trainini, «Giomale di Brescia», 7 marzo 1969. «Giornale di Brescia», 20 agosto 1969, Necrologio.

A.M. FELIX (T.  Gatti), Un uomo forte e coraggioso, «La Voce del popolo», 30 agosto 1969. «Commentari dell'Ateneo», Brescia, 1969, I nostri lutti.

G.PANAZZA, Le manijèstazioni artistiche della sponda bresciana... «Il lago di Garda», Ateneo di Salò, 1969, p. 258.

«Parrocchia del S. Cuore-Cappuccini», Tip.  Franciscanum, Brescia, 1970.  N.U. nel cinquantesimo di fondazior)e della parrocchia.

A.A.B., Brescia, «Mostra postuma dei soci», ottobre 1970, Catalogo.

L.MONCHIERI, «Il mio borgo», Ed.  Sardini, Bornato, 1973.

R.LONATI, «I Concorso V. Trainini», bando di concorso, Mompiano, 1973. (Ripr. in

«Biesse», a. Xlll, n. 139, settembre 1973).

R.LONATI, Artisti di casa nostra, V Trainini, «Biesse», a. XIV, n. 151, 2, 3, ottobre-dicembre 1974.

R.LONATI, «Mezzo secolo di testimonianze sulla pittura bresciana del Novecento 1920-1970», Tip.  S. Eustacchio, Brescia, 1979.

«Primo centenario della chiesa di Cristo Re in Brescia», 25 novembre 1979, Tip.  G. e A.

Podetta, Brescia.

A.M. COMANDUCCI, «Dizionario dei pittori... italiani», Ed. 111 (1945), IV (1962).

R.IONATI, Biogrqfie di artisti bres(-iani. ['.  Trainini, «Commentari dell'Ateneo», Brescia, 1982.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: