HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

TORTELLI GIUSEPPE.  Secolo XVII.

Nativo di Chiari, la sua nascita è indicata al 1662; ad oltre il 1738 la sua morte.  Appartiene forse alla famiglia di intagliatori clarensi fra i quali emersero Clemente e Bonaven'tura ricordati nel «Dizionario degli artisti bresciani» di Stefano Fenaroli; nipote altresì dell'omonimo e mediocre pittore ricordato operoso nel 1600 a Chiari.

Avviato allo studio delle lettere, quindi della filosofia e del diritto, Giuseppe Tortelli intraprende a disegnare e dipingere come autodidatta, rivelando insospettabili doti, tanto da divenire in breve esperto pittore.  Per affinare le sue doti intraprende un viaggio attraverso l'Italia, raggiungendo Roma e Napoli dove può nutrirsi del vari capolavori pittorici incontrati; al ritomo si trasferisce a Venezia, dove riesce ad inserirsi nell'ambiente artistico e ad operare assiduamente, guardando anche al capolavori del Tiepolo.

Se l'apparizione di Cristo a S. Teresa, ancor oggi nella chiesa di S. Pietro in Oliveto, è fra le prime opere quella che lasciò sperare pel pittore rinnovatrice visione, numerose altre sono conosciute ed apprezzate: a Bagnolo Mella (Assunta); in Brescia nella chiesa di S. Agata (Cristo e la Maddalena, Cristo sepolto, S. Tomaso, Le Marie al sepolcro, Cena in Emmaus e nel salone parrocchiale, nel coro ... ); nell'oratorio di S. Alessandro; in S. Clemente, S. Francesco, S. Giuseppe, S. Maria delle Grazie, nel Duomo nuovo e antico, in S. Maria degli Angeli, in S. Nazaro; fuori città se ne incontrano a Chiari (Pinacoteca Repossi) ed a Colombaro (parrocchiale).

Altre ancora ne possiedono collezione privata bresciana (Resurrezione di Crìsto) e la Pinacoteca Tosio Martinengo.

Giudicato artista interessante, la sua pittura rivela un accurato disegno «troppo attento ai contorni ed un chiaroscuro insistito»le cromie tuttavia di ricca gamma fra i rossi, i bianchi, i verdi, i gialli e gli azzurrognoli «graduati a mezze tinte che sono come pause».

Queste caratteristiche meglio sono espresse in opere quali S. Liborio, L'Assunzione, I SS.  Faustino e Giovita del Duomo e nel Mistero della SS.  Trinità di S. Francesco, oltre a quella già citata di S. Pietro in Castello.

Se la visione di maestri veneti contribuì ad attenuare la pesantezza barocca, Giuseppe Tortelli palesa tuttavia un «certo superficiale e lezioso ammanierarsi» che ne segna il limite.

BIBLIOGRAFIA

G.A. AVEROLDI, «Le scelte pitture di Brescia», 1700.

P.A. ORLANDI, «Abecedario pittorico», 1704.

F. MACCARINELLI, «Le glorie di Brescia», 1747, Ed.  C. Boselli, 1959.

G.B. CARBONI, «Notizie storiche di pittori e scultori», 1776, Ed.  C. Boselli, 1962.

L.LANZI, «Stoiia pittorica dell'Italia», Bassano, 1795-1808, Ed. 1823.

F.NICOLI CRISTIANI, «Vita e opere di L. Gambara», 1807.

P.ZANI, «Enciclopedia metodica critico ragionata di B.A.», 1819-1824.

P.BROGNOLI, «Guida di Brescia», 1826.

S.TICOZZI, «Dizionario dei pittori, scultori, architetti», Milano, 1832.

A.SALA, «Pitture e altri oggetti di B.A.», 1834.

F.DE BONI, «Biografie di artisti», Venezia, 1840.

F.ODORICI, «Guida di Brescia rapporto alle arti», 1853.

S.FENAROLI, «Dizionario degli artisti bresciani», 1887.

A.GNAGA, «Guida di Brescia artistica», 1903.

A.UGOLETTI, «Brescia», Ist.  Ital. d'Arti Grafiche, Bergamo, 1909.

L.RIVETTI, «La chiesa di S. Maria Maggiore in Chiari», 1915.

L.RIVETTI, Artisti chiaresi G. Tortelli, «Brixia Sacra», 1917.

P.GUERRINI, La chiesa di S. Zeno al Foro, "Brixia Sacra", 1918.

L.RIVETTI, Il convento di S. Bernardino a Chiari, «Brixia Sacra», 1919.

P.GUERRINI, Elenco delle opere d'arte della Diocesi di Brescia, «Brixia Sacra», a. 1920,.

E.BONEZIT, «Dictionnaire... des peintres», Paris.

G.NICODEMI, «Guida di Brescia», 1926.

L.Ft D'OSTIANI, «Storia tradizione e arte nelle vie di Brescia», 1927.

G.P. LANCINI, «Quadri stampe e sculture nella pinacoteca di Chiari», 1931.  E. CALABI, «Pitture a Brescia nel '600-'700», 1935.

THIEME BECKER, Vol.  XXXIII, (1939).

G.PANAZZA, «La Pinacoteca Tosio Martinengo», Ed.  Alfieri e Lacroix, Milano, 1959.

C.BOSELLI, Spoliazioni napolconiche, «Commentari dell'Ateneo», Brescia, 1960.

«Storia di Brescia», Vol. III.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: