HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

TINELLI PRIMO.  Brescia, 12 maggio 1921.

Compiuti gli studi magistrali, si è diplomato maestro d'arte all'Istituto «P.  Toschi» di Parma.  Per due anni ha frequentato l'Accademia di Brera, in Milano, sotto la guida di Carlo Carrà e Achille Funi (1950 circa).

Docente in scuole medie statali, al Liceo artistico «V.  Foppa», dopo il 246

collocamento a riposo ha intensificato l'attività in seno alla A.A.B. di cui dirige la Scuola serale ed i corsi di specializzazione nelle varie tecniche.

Presente a manifestazlónl artistiche fin dalla fondazione dell'Associazione di via Grarnsci (1945) ha quindi esteso la partecipazione a Premi in numerose località bresciane e città fra le quali si ricordano: Iseo (1947), Suzzara, Siena, Reggio Emilia (1949), Francavilla a Mare, Genova, Rovato, Gallarate (anche in successive edizioni), nonché le edizioni genovese, milanese e romana delle Olimpiadi culturali (1950); Gorizia (111 Mostra giovanile d'arte figurativa, 1951), quindi Monza, Melzo, Temi, Clusone (1951), Gardone R iviera (1953), ßovegno (1954), Valdagno (1956), Breno (1959), Monticelli Brusati (1965), Lumezzane (1973).

In Brescia, oltre alle Mostre sociali della A.A.ß. con il Premio sulla caccia del 1964, lo si ricorda aderente a collettive della Galleria Vittoria e dell'U.C.A.I. Mostre personali ha allestito a Rovereto (1949), Gorizia, Udine e Trieste (1952), Brescia (1958 e 1963).

Da più di un decennio ha si può dire esaurito la sua partecipazione a mostre.  Il soggiomo parigino, testimoniato dalle opere esposte in alcune personali del primi anni Cinquanta, si riflette a lungo nella pittura di Primo Tinelli.

Se alcuni dipinti ripropongono la Senna, la bianca chiesa del Sacrè Coeur, Notre Dame, i ponti ed i barconi, i lampioni a gas avvolti da atmosfere grevi che rendono cupi i prevalenti verdi, gli azzurri, le terre, l'impianto geometrizzante delle anonime case dagli spioventi tetti parigini sarà tradotto anche nello schema compositivo di contrade nostrane scorte nella silente luce vespertina. «Allora - osserva Renzo Bresciani - gli archi rampanti della cattedrale di Parigi valgono quanto i fasci di rotale e le fauci nere delle ferriere Tassara di Breno o il gioco dei verdi e del gesso avorio nell'esemplare paesaggio delle calchere di S. Eufemia, o il più vivo e nitido inciso-come sa fare Tinelli con il suo gusto di acquafortista - quadro dedicato alla vecchia officina del gas di Brescia».  Accanto alle visioni urbane nascono sulle rive dell'Iseo prediletto composizioni dal più chiari colori, azzurri e verdi, mentre resta la riassuntiva, essenziale campitura a ricreare i colli, le stradette dal fondo di terra, le masse degli ulivi... Le, nature morte «ingigantite» dedicate a frutti, a oggetti e attrezzi casalinghi, campeggianti sulla superficie della tela, segnano il successivo ricercare di Tinelli che, accanto ai dipinti a olio, a tempera, a tecnica mista, dà vita a opere calcografiche: acqueforti, litografie influenti anche sulla resa cromatica del dipinti.

E con il rinnovarsi delle tematiche, annoveranti da ultimo i soli muri, gli «intemi-estemi» si affermano i grigi, i tenui verdi.

Prevale il disagio esistenziale, s'avverte pienamente la partecipazione dell'autore a fermenti o ad eventi ben esemplificati da opere quali R@forma carceraria e Albero in città?

Autore di scenografie per il Piccolo Teatro città di Brescia negli anni 1950-1954 circa, Tinelli ha pure collaborato a varie pubblicazioni della Scuola editrice.  Nel 1946 si è aggiudicato il premio sul Legato Brozzoni; sue opere sono alla Pinacoteca bresciana.

BIBLIOGRAFIA

E.LANCINI, Gli artisti bresciani parlano della loro mostra, «L'Unità», 23 ottobre 1945. «Il Giomale d'Italia», I luglio 1946, Legato Brozzoni.

0. DI PRATA, Troppe opere e poche idee.... «Brescia Lunedì», 21 ottobre 1946.

A.G. FRONZONI, «Galleria Delfino», Rovereto, 23 maggio - 4 giugno 1949.

E.P., Breve rassegna, «L'Itaiia», 6 dicembre 1949.

L. FAVERO, Mostre d'arte, «il Popolo», I febbraio 1950.

«Giomale di Brescia». 20 giugno 1950, Bresciani a Gallarate.

«Giornale di Brescia», 5 agosto 1950, Giovani in una mostra nazionale.

«Messaggero veneto», 31 gennaio 1952, Note d'arte.

«Il Gazzettino», I febbraio 1952, Domani la vernice della mostra di Tinelli. (Si veda s.f. del 2 febbraio).

«Giornale di Trieste», 2 febbraio 1952, Oggi la vernice della mostra di Tinelli.

A. CARPI, «Circolo della Stampa», Gorizia, 2-10 febbraio 1952.

«Giornale di Trieste», 3 febbraio 1952, La mostra di Tinelli.

E.T., L'umanità di Parigi nel quadri di Tinelli, «Messaggero veneto», 6 febbraio 1952. «Giornale di Trieste», 8 febbraio 1952, P. Tinelli al Circolo della stampa.

R.I.(oos), Personale di Tinelli al Circolo della stampa, «Il Gazzettino», 10 febbraio 1952. «Gazzettino sera», 18-19 febbraio 1952, Prossima al Caf la mostra di Tinelli.

A.CARPI, «Circolo artistico friulano», Udine, 21 febbraio - 2 marzo 1952. «Il Gazzettino», 21 febbraio 1952, Al circolo artistico mostra di P. Tinelli. «Messaggero veneto», 21 febbraio 1952, Inaugurata la mostra di Tinelli. «Messaggero veneto», 27 febbraio 1952, Pont Sully.

S.CH.(iola), P. Tinelli, «Il Gazzettino», 28 febbraio 1952. A.          MNZ, La personale di Tinelli, «Messaggero veneto», I marzo 1952.

A.CARPI «Saletta d'arte Caffé Nazionale», Trieste, 8-19 marzo 1952.

V.P., P. Tinelli al Caffé Nazionale, «Trieste libera», a. Vlll, n. 142, 1952.

C.SOFIANOPULO, Tinelli al Caffé Nazionale, «Messaggero veneto», 18 marzo 1952. GIO., Mostre d'arte, «Giornale di Trieste», 19 marzo 1952.

«Premio di pittura città di Brescia», Brescia, 1952, Catalogo.

VA., Seguendo la cometa del neon al Premio Brescia, «Giornale di Brescia», 5 ottobre 1952. «Palazzo dell'Arte», Cremona, 17 gennaio - I febbraio 1953.

G.MUSSIO, Misteri preistorici svelati da strane incisioni, «L'Italia», 17 febbraio 1953. (Per

Una conferenza).

E.TEDESCHI, Arte aristotelica, «Fonte gaia», Siena, aprile 1953.

«Premio di pittura città di Brescia», Brescia, 1953, Catalogo.

MARTE-LONI, Alla A.A.ß. sono di scena i tradizionalisti, «La Tribuna delle Regioni», 31 dicembre 1953.

«Galleria Alberti», Brescia, giugno-luglio 1958.

G.VALZELLI, Pittori bresciani a Breno, «Giornale di Brescia», 20 agosto 1959.

G.PANAZZA, «La Pinacoteca Tosio Martinengo», Ed.  Alfieri e Lacroix, Milano, 1959.

«Galleria del Corso», Brescia, 24 febbraio - 4 marzo 1961, Invito.

R.BRESCIANI, P. Tinelli, «Biesse», a. 1, n. 3, marzo 1961.

G.VALZELLI, I Profeti e la turba.... «Bruttanome», Vol. 1, (1962).

«Galleria A.A.B.», Brescia, ottobre 1963.

JO COLLARCHO, Galleria d'arte, «Biesse», a. Il, n. 30, ottobre 1963.

G.V., Alla mostra del premio Monticelli, «Giomale di Brescia», 25 luglio 1965.

«Voce amica», N.U., Monticelli Brusati, luglio 1965.

M.CORRADINI, «Gli oggetti e l'uomo nelle incisioni bresciane», Biblioteca comunale, Lumezzane, giugno 1973, Catalogo.

L.SPIAZZI, Arte in città, «Bresciaoggi», 22 dicembre 1979.

R.LONATI, «Mezzo secolo di testimonianze sulla pittura bresciana del Novecento:

1920-1970», Tip.  S. Eustacchio, Brescia, 1979.

«Enciclopedia bresciana», Ed.  La Voce del popolo.  Alla Voce: Esploriamo.  AA.VV., «Brescia '80», Brescia, I -I I maggio 1980, Catalogo.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: