HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

STAGNOLI ANTONIO.  Bagolino, I giugno 1922.

Riconosciuto da tempo e da insigni scrittori d'arte fra i più validi esponenti della pittura non soltanto bresciana, affermato in esposizioni severe in campo nazionale, apprezzato all'estero, Antonio Stagnoli resta nella sua città a volte ignorato.  Il suo tratto, ricco di espressività, ricrea una realtà che è parte di noi tutti, ma rifiuta «soggetti gradevoli, facili effetti decorativi, soluzioni che si esauriscono nei valori formali», così che i più non ne sanno avvicinare le opere.  La giovanile predilezione di Stagnoli va a Vari Gogh, artista immerso nella vita degli umili, dei diseredati, dei dimenticati.  Nato a Bagolino, il nostro pittore di quell'aspra terra nulla ha dimenticato; e alla memoria della sua terra si accomuna il dramma d'un bambino che, a soli quattro anni, rivolgendosi alla propria madre più non riesce a gioiosamente gridasse il nome, non udendone al tempo stesso la voce.

Così l'indimenticabile giornalista Bruno Marini ricrea la triste giovinezza del futuro pittore: a quattordici anni già orfano, ai Pavoniani gli imparano le prime parole, e primissima m-a-m-m-a che se n'era andata da tempo.  Il ragazzo di valle disegnava con i gessetti, scalfiva l'intonaco delle camerate, era un mondo confuso e primitivo che riemergeva da una coscienza scioccata, inquieta.

Brera, alfine, al compiersi del secondo conflitto mondiale, con i maestri Carpi, De Amicis e Umberto Vittorini il quale, oltre che riflessa l'angosciosa inquietudine del proprio animo, nel tratto dell'allievo bresciano deve aver avvertito il rinnovarsi del desolato cammino di Lorenzo Viani.

Con l'insegnamento accademico, negli anni grevi del dopoguerra, giova anche l'emergere del levitante e consonante operare di giovani mossi dall'ansia che si agita nella provata umanità: giovani attratti da nuove forme di realismo ed affermatisi in seguito in virtù di sapiente tecnica, ma ancor più per il civile impegno, da Guerreschi a Bodini, da Romagnoni a Vaglieri, e Ceretti, Diana, Omatì...

Della tragedia immane appena vissuta Stagnoli ripropone non paludate divise, non armate d'invasione o campi di sterminio, non immani distruzioni di città e di esseri umani; bensì la silenziosa, atroce tragedia che ancor più fa chine le spalle dei poveri, che più ne incava gli ormai inariditi occhi, la gente della sua montagna, quella sorpresa ad errare nella immediata periferia e legata ad una attività che da sempre odora di terra, imbevuta di sacrifici e di rinunzie.

Delle sue valli, delle sue campagne per decenni ha ritratto gli aspetti meno noti, aninìando le carte non soltanto di mandriani, di contadini, di ortolani dai visi defori-ni, sprizzanti fatica, rosi dagli stenti, «segnati da un marchio di miseria e di ingiustizia».

Anche la natura che completa le opere si anima di drammatici moti: non fondale, ma protagonista anch'essa a dolorosamente premere l'animo del pittore.  Si potrebbe delineare il cammino artistico di Stagnoli con le opere emerse in occasione di note manifestazioni o dettate da particolari circostanze: alcune figure adagiate fecero conoscere il giovane artista a S. Diego (1960); la Tragedia della Valle Camonica (1961) è il plastico compianto per tante vittime di inopinata sciagura; Mendicante (1962) gli valse il Premio «La Parete»; Stalla (1963) il «Premio Copparo»; i «Miti e leggende» di Sandro Fontana hanno ispirato le raffigurazioni di lontane vicissitudini del mondo contadino; la Resistenza (1965) Tutore (1967) riflettono altrettante occasioni in cui l'animo dell'artista è mosso da emozioni.

Opere che, parte di un mosaico, nascono da estrema coerenza, da non mai attenuata tensione morale.  Quell'insistere, quel ripetersi, quel riproporre «personaggi» ed eventi d'una tragica realtà sono la forza di Stagnoli il quale ha il merito di approfondire una vibrante ricerca attraverso un espressionismo che ' fa e 'tica sociale, oltre che adesione umana. Non staticità, quindi, ma escavazione.

E dalla china all'olio, i personaggi si muovono dentro una ossessiva attesa: alla finestra, sulle balconate, fermi nel tempo, impietriti.  Dalla pietra sembrano derivare quei colori chiari, agri, acidi in una magra stesura - come ha osservato Giuseppe Tonna - e sul duplice sentiero del segno e del colore, che si arricchiscono a vicenda, da vari anni il pittore avanza, non immemore della tradizione bresciana che affonda le radici nel secolo di Romanino e Moretto.  Lunga la serie delle manifestazioni cui Stagnoli ha preso parte e riflesse nella nota documentaria.  Basti qui accennare le Quadriennali di Roma (1959 e 65), l'Internazionale di Zagabria (1959), le Biennali di Milano (1959, 61, 65, 67), i Premi: Città di Milano (1962), il F. Torri (1962), La Parete (1962), Suzzara (1962), le varie manifestazioni dedicate alla Resistenza (Chiari, Piacenza, Milano, 1965, Brescia, 1977); I'Vlll Mostra nazionale del bianco e nero (Milano, 1972), Reggio Emilia (1966, 69), la bresciana rassegna «La coscienza del reale» del 1974.  Mostre personali ha allestito in note gallerie di Brescia (1958, 62, 66, 68, 69, 79), Milano (1959, 64, 65, 67, 72, 75), S. Diego in California (1960), Bagolino (1964), Francoforte (1963), Venezia (1965), Firenze (1969), Padova (1970), Verona (1971), Bologna (1972), Roma (1973), Desenzano (1974), Parma (1976), Salò (1980).

BIBLIOGRAFIA

L.FAVERO, Pittori e scultori all'arte e cultura, «L'Ora del popolo», 18 ottobre 1945.  AEQUUS, Duecento opere di artisti bresciani, «Giomale di Brescia», 24 ottobre 1945. «Il Giornale dell'arte», I luglio 1946, Brescia.

U.VAGLIA, «Dizionario degli artisti e degli artigiani di Valle Sabbia», 1948. «Giornale di Brescia», 24 agosto 1956, L'ottava rassegna orceana.

V.FAGGI, Al Premio Orzinuovi, «Giomale di Brescia», 31 agosto 1956.

«Giornale di Brescia», I settembre 1957, Premio Or-7inuovi.

C. DE AMICIS, «Galleria Alberti», Brescia, 8-20 marzo 1958.

«Tutto Brescia», 28 marzo 1958, 18 artisti IN ritratti.

E.C.S. (alvi), Pitttira bresciana oggi, «Giornale di Brescia», 3 giugno 1958.  E.C.S.(alvi), C. Corsi e gli altri, «Giomale di Brescia», 29 agosto 1958.

G. VALZELLI, «Giornale di Brescia», '@O agosto 1959.

E.C.S.(alvi), V Premio Bergamo, «Giomale di Brescia», 22 agosto 1959.

«Giornale di Brescia»,18 dicembre 1959, Concittadini alla Quadriennale.

«Giomale di Brescia»,3 marzo 1960, Il @egno di Stagnoli e la critica americana.

«Giornale di Brescia»,8 maggio 1960, Bergomi e Ytagnoli ex equo a Montichiari.

G. VALZELLI, Monti(,hiari visto da quaranta pittori, «Giomale di Brescia», 12 maggio 1960.

E.C.S.(alvi), Pittura italiana oggi, «Giornale di Brescia», 7 giugno 1960.

C. PEZZICA, Pellegrinaggio d'amore, «Giomale di Brescia», 28 ottobre 1960, con ill. diStagnoli.

«Brescia», novembre-dicembre 1960, Ill.

M. LEPORE, Da notare,fra 542, «Corriere d'informazione», 20-21 dicembre 1960.

«Giornale di Brescia», 25 dicembre 1960, Natale, III.

L.BORGESE, La vittoria sull'astratto non significa falsa arte, «Corriere della ser-a», 30 dicembre 1960.

R.DE GRADA, «Le Arti», rubrica radiofonica, dicembre 1960. «Giornale di Brescia», 22 gennaio 1961, Compianto per la Valcamonica.

R.BRESCIANI, A. Stagnoli, «Biesse», a. 1, n. 4, aprile 1961.

G.VALZELLI, Ai valsabbini Garosio e Stagnoli..., «Giornale di Brescia», 10 maggio 1961.

«Giomale di Brescia», 29 giugno 1961, Repossi e Stagnoli vincitori del Premio Torri.

M.VALSECCHI, Premio Torri, «Il Giorno», I luglio 1961.

M.MON-FEVERDI, Alla Permanente, «Corriere lombardo», 6-7 luglio 1961.

L.BORGESE, Un premio per i giovani alla Permanente, «Corriere della sera», 9 luglio 1961.

M.PORTALUPI, La povera mostra di un premio ricco, «La Notte», 12-13 luglio 1961.

L.BORGESE, Tradizione e modernità alla Permanente, «Corriere della sera», 19 dicembre1961.

E.C.S.(alvi), 4!la Biennale di Milano, «Giomale di Brescia», 20 gennaio 1962.  E.C.S.(alvi), NIostre d'arte, «Giornale di Brescia», 25 marzo 1962.

«Galleria Picelli», Brescia, 7-20 aprile 1962, Disegni di A, Stagnoli.  L. FAVERO, Alla galleria Picelli, «La Voce del popolo», aprile 1962.  E.C.S.(alvi), I disegni di Stagnoli, «Giomale di Brescia», 12 aprile 1962.  R,B., La mostra di Stagnoli, «Biesse», a. Il, n. 14, aprile 1962.

M.VALSECCHI, Un premio ben assegnato, «Il Tempo», 3 maggio 1962.

F.RUSSOLI, «Galleria dell'Agrifoglio», Milano, 1-12 maggio 1962.

0.DI PRATA, Slancio e drammi di Stagnoli, «Brescia», a. Xll, n. 39, marzo-aprile 1962.

«Giornale di Brescia», 2 dicembre 1962, Stagnoli vince il premio La Parete.

T.MAZZIERI, Novembre nelle gallerie milanesi, «Gazzetta di Parma», 9 dicembre 1962. «Il Cittadino», 23 dicembre 1962, III.

«Giomale di Brescia», 27 dicembre 1962, Il mendicante.

E.MASTROLONARDO, A Stagnoli il Premio La Parete, «Genova notte», 31 dicembre 1962.

G.KAISSERLIAN, Premio La Parete, «D'Ars Agencj», novembre-dicembre 1962.

«Gran Premio», a. VI, n. 12, dicembre 1962, A Stag oli La Parete.  G.M.(arussi), Disegni alla Parete, «Le Arti», n. 11-12, dicembre 1962.

G. VALZELLI,I Profeti e la turba, «Bruttanome», Voi. 1, (1962).

G.MUSSIO, Gazzetta delle arti, «L'Italia», 4 gennaio 1963.

M.MONTEVERDI, Le arti,figurative, «Corriere lombardo». 8-9 gennaio 1963.

R.PORTA, manifestazioni «Frà Ginepro», gennaio-febbraio 1963.

E,C.S.(alvì), Le mostre, «Giornale di Brescia», 21 marzo 1963.

E.CASSA SALVI, Presentazione per la mostra di Francoforte. (Non si possiede il Catalogo) Francoforte, 1-17 giugno 1963.

D.CARA, Rassegna a Castelletto Ticino, «Italia modema», a. IX, n. 5, settembre-ottobre 1963.

«Premio Copparo», Ferrara, novembre 1963.

«Giomale di Brescia», 9 novembre 1963, Notiziario d'arte. (Si veda s.f. in data 3 nov.). «Giomale di Brescia», 20 novembre 1963, Opere vincitrici a Ferrara.

JO COLLARCHO, XXIII Biennale no ionale d'arte, «Biesse», a. 111, n. 31, novembre 1963.  A VALENZA, Premio (a.@tell(,,tto Ticino, «D'ars Agencj», settembre-dicembre 1963. «L'Italia», 28 febbraio 1964, Stagnoli a Vilano.

«La Voce del popolo», 29 febbraio 1964, L'arte di Stagnoli.

V., Ilfiore dell'arte grqfica, «Giornale di Brescia», 10 aprile 1964.

A.MAZZA, A. Stagn(ili, «La Voce del popolo», 18 aprile 1964. (Ripr. in «28 Studi di artisti bresciani», Ed.  Squassina, Brescia, 1966).

E. MASTROLONARDO, A. Stagnoli, «D'Ars agencj», a. V, n. 4, aprile 1964.

G.V., Inizia la -fìera di Montichiari, «Giornale di Brescia», 8 maggio 1964.

V.BUONASSISI, Anche Brescia vuole le.fà(-oltà universitarie, «Corriere della sera», 4 agosto 1964.

«A. Stagnoli», Bagolino, 6-20 agosto 1964.  Invito alla mostra personale.  A. MORUCCI, Galleria d'arte, «Biesse», a. IV, n. 43, dicembre 1964. «L'Eco di Brescia», nn.vv. verso fine 1964: Illustrazioni per Miti e leggende di S. Fontana. «La Voce del popolo», 25 dicembre 1964, Invito alla grqfica.«Storia di Brescia», Voi.  IV.

F.RUSSOLI-E.  CASSA SALVI, «Galleria S. Stefano», Venezia, 13-23 febbraio 1965.

M.ALZETTA, Note d'arte, «La Voce di S. Marco», 20 febbraio 1965.

E.BUDA, Mostre a Venezia, «La Vemice», a. IV, n. 1-2, gennaio-febbraio 1965.

G.V., A. Stagnoli a Venezia, «Il Cittadino», 21 febbraio 1965.

«Giomale di Brescia», 10 marzo 1965, Echi della mostra di Stagnoli a Vene--ia. «Cronache venete», 15 marzo 1965.  Riproduce testo di F. Russoli.

«Galleria La Parete», Milano, 12 marzo 1965, Invito.

G.VALZELLI, Gli artisti a Chiari, «Giornale di Brescia», 24 aprile 1965. «Il Popolo», 24 aprile 1965, Figure, III.

G.V., La rosa d(,Il'amore, «Il Cittadino», 25 aprile 1965. «Il Popolo», I maggio 1965, Fig re, III.

«Il Cittadino», 2 maggio 1965, Bergen-Belsen '45.

R., Premiati Chessa, Stagnoli e Diano a Chiari, «Giomale di Brescia», 9 maggio 1965.  G.P., Un altro successo di Stagnoli, «Il Cittadino», 16 maggio 1965.

«L'Eco di Brescia», 9-19 giugno 1965, La Resistenza nell'arte contemporanea.

E.C.S.(alvi), Notiziario, «Giornale di Brescia», 30 giugno 1965. (Per la XXIV Biennale di Milano).

G.POLONI, Cinque bresciani espongono le loro opere, «Giomale di Brescia», 17 settembre 1965.

«III Premio Cinisello Balsamo», Cinisello, 1965, Catalogo.

«L'Ora serena», 12 dicembre 1965, Stagnoli alla IX Quadriennale.

E.C.S.(alvi), Alla nona Quadriennale, «Giomale di Brescia», I I febbraio 1966. «Galleria del Minotauro», Brescia, 10-23 dicembre 1966.

E.C.S.(alvi), Collettiva alla Cavalletto, «Giomale di Brescia», 31 dicembre 1966. «Galleiia A.A.B.», Brescia, 16 maggio 1968.

E.C.S.(alvi), Mostre d'arte, «Giomale di Brescia», 16 maggio 1968.

G.POLONI, A. Stagnoli, «La Voce dell'automobilista», a. XVIII, n. 7-8, agosto-settembre 1968.

F.RUSSOLI, 1. VETTORI GIANFRANCESCHI, «Galleria S. Michele», Brescia, 22 febbraio - 6 marzo 1969.

MAR., -@tagnoli artista solitario, «Giomale di Brescia», 22 febbraio 1969.

E.C.S.(alvi), Mostre d'arte, «Giornale di Brescia», 2 marzo 1969.

G. POLONI, «Arte bresciana '70», Centro studi Sardini, Brescia, 1970.

«Giornale di Brescia», 23 dicembre 1970, Arie di Natale, III.

AA.VV., «Galleria Cangrande», Verona, 13-25 febbraio 1971.

«Giornale di Brescia», 13 febbraio 1971, Cronache d'arte.

E.M., Premiati i vincitori del I Premio na ionale (Palazzolo), «Giomale di Brescia», 17 maggio 1971.

«Arte bresciana oggi», Sardini Ed., Bornato.

«Il Regalo;>, Brescia, Inverno 1972-73, Stampa Tip.  Vestonese. 1972.

G. STELLA, Arte, «La Voce del popolo», 9 febbraio 1973.

AA.VV., Disegno per(,hé, «Galleria A.A.B.», Brescia, 28 aprile - 10 maggio 1973.  COMUNE.DI BRESCIA, La coscienza del reale, Brescia, 26 marzo - 30 aprile 1974, Catalogo.  E.C.S.(alvi), «Galleria La comice», Desenzano, 30 marzo - 10 aprile 1974.  L. SPIAZZI-E.  CASSA SALVI, «A.  Stagnoti», Grafo-edizioni, Brescia, 1974.  Con cenni bibliografici.

A. MAZZA, Il realismo di Stagnoli, «Giomale di Brescia», 26 novembre 1974.

G.S.(tella), Monogrqfia per Stagnoli, «La Voce del popolo», 24 gennaio 1975.

R.LONATI, Artisti di casa nostra, A. Stagnoli, «Biesse», a. XV, n. 154-155, gennaio-febbraio 1975, con bibliografia al 1965.

E. CASSA SALVI, «Galleria Gianferrari», Milano, 10-28 giugno 1975.

«Giomale di Brescia», 13 settembre 1977, Omaggio alla Resistenza.

«Bresciaoggi», 13 settembre 1977, Le opere premiate alla mostra della Resisten a. «Giomale di Brescia», 17 settembre 1977, Inaugurata la mostra sulla Resistenza.

G.MASCHERPA, Impegno in tema di Resistenza, «Avvenire», 23 settembre 1977.

G.TONNA, «Galleria Labus», Brescia, 1-13 aprile 1979.

L.SPIAZZI, Mestizia panica, «Bresciaoggi», 7 aprile 1979.

E.C.S.(alvi), Ilostre d'arte, «Giornale di Brescia>@, 10 aprile 1979.

G.STELLA, Arte, «La Voce del popolo», 4 maggio 1979.

L.SPIAZZI, «Pedrali-Garosio-Stagnoli».  Catalogo mostra alla «Galieda La nuova città»,

Brescia, I dicembre 1979.

L.SPIAZZI, Arte in città, «Bresciaoggi», 8 dicembre 1979.

R.LONATI, «Mezzo secolo di testimonianze sulla pittura bresciana del Novecento, 1920-1970», -f'ip, S. Eustacchio, Brescia, 1979.

S.Z., Salò, «Bresciaoggi», 5 dicembre 1980.

COMUNE DI SALO, «Forgioli e Stagnoli», 6 dicembre 1980 - 6 gennaio 1981, (Testo di E. Cassa Salvi), Tip.  Gardesana, Roè'Voiciano, 1980.

E.C.S.(alvi), Due pittori, due isole, «Giornale di Brescia», 6 dicembre 1980. (Dal catalogo,).

L.SPIAZZI, Giro dell'arte, «Bresciaoggi», 13 dicembre 1980.

B.PASSAMANI-A.  STAGNOLI, «Il Carnevale di Bagolino», Grafo-Edizioni, Brescia, 1980.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: