HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

SIMONI BATTISTA GIUSEPPE.  Adro, 2 marzo 1909..

Nel paese natio avvicina Arturo Bianchi (v.) e, giovanissimo, lo segue compiendo così le prime esperienze artistiche.

A Brescia, si forma nella -cerchia del giovani vicini a Virgilio Vecchia e si affaccia alla ribalta delle mostre sul far degli anni Trenta.  Poco più che ventenne è presente alla Mostra intersindacale, alle Mostre del sindacato provinciale di B.A. bresciano, con paesaggi, figure, nature morte.

Del 1934, Primavera, Sui Ronchi, Mamma rivelano l'attento osservatore e l'equilibrato colorista; dello stesso anno Gesù e i ciechi, è detto dipinto di non comune livello pittorico, soprattutto nella pallida figura centrale retta da una sintesi cromatica, ma ancor più da espressività spirituale.  Non a torto Pietro Feroldi, indimenticato scrittore d'arte e collezionista, vide nella composizione classicamente concepita il segno della nobiltà di contenuto testimoniante le attitudini del pittore a perseguire un'arte intenzionalmente eletta.

Nel susseguirsi delle esposizioni alle quali partecipa, Simoni si pone in evidenza accanto ad artefici quali Battista Trainini, Alessandro Pianeti, Martino Dolci, Virgilio Vecchia, Matteo Pedrali... Opere come il Cesto del pesce racchiudono un contenuto poetico di cose reali ordinate a modo, fedele al rapporto che deve intercedere fra il soggetto e lo stile.  Questo quadro, oggi alla Pinacoteca Tosio Martinengo, è stato giudicato «pezzo di solida pittura moderna, arlosissimo». (1936).

La pacata visione, la meditativa natura del pittore tornano ad evidenziarsi in successive opere: Natura morta, Composi ione, Dal mio studio esposte nel 1938; così nel 1940 Paese di Valcamonica, che fa dire d'una «visione sgorgata da una elevata purificazione dell'animo».

Se il funesto fragore dell'ultimo conflitto mondiale sembra esaurire l'attività del Simoni, il ritorno della pace lo riconduce ad assiduamente operare: dal 1946 Figure di Santi, S. Sebastiano, Paese, Interno, Lo specchio figurano a fianco di dipinti di artefici nostri al quali la guerra non soltanto ha carpito anni di fervore creativo, ma anche affetti e integrità fisica.

Con Vittorio Botticini, Achille Canevari, G.B. Cattaneo, Achille Cavellini, Martino Dolci, i Ghelfi, Ermete Lancini, Matteo Pedrali, Mario Pescatori ricompare in collettive; poco più tardi, con i compagni del Gruppo B., in seno alla Associazione di via Gramsci, rappresenta in città esempio di chi conduce ricerca moderata, pur se modernamente orientata.

Così, non inosservate le presenze alle mostre del «Bruttanome», negli anni Cinquanta, in occasione delle quali si ricordano Ritratto e il Mella; alle rassegne in Episcopio (1949) ove un Omaggio al '600 palesa l'autore interprete del Presepio con fare romantico: contorsione di alberi, animazione di figure e di cose, luci irreali.

Dopo d'allora sempre più si afferma Simoni restautore: operoso in numerose chiese, nel laboratorio all'intemo della Pinacoteca Tosio Martinengo dove, fra le altre, nel 1956 convennero le tele da esporre alla «Mostra dei pittori bresciani dell'Ottocento». (Filippini, Lombardi, Bertolotti, Zuccari e Rovetta).

Nel lungo itinerario percorso dal restauratore è possibile individuare soltanto alcune tappe; rappresentate dai ravvivati colori dell'Assunta del Moretto (1953), del nostro «bel S. Giovanni» (1957), delle decorazioni di Pietro Scalvini nel Teatro Grande (1963); le ritrovate nobilissime raffigurazioni nell'abslde della chiesa dedicata a S. Agata , con il maestoso Croe,@@lìs,vo (1963) e successivi interventi nella medesima chiesa; le cure usate ai dipinti destinati a dar vita alla «Mostra di G. Romanino» nell'incanto del Duomo vecchio (1965); a numerosi altri dipinti della Pinacoteca Tosio Martinengo (1967); e ancora affreschi in S. Francesco (1970), in S. Cristo (1974), nel Teatrino Rovetta a lato della chiesa di S. Maria del Miracoli (1977), in S. Salvatore (1978)...

Sono soltanto alcuni dei pazienti interventi portati a termine da B.G. Simoni in città, ma altrettanto solerte in numerose località della Provincia: da Remedello (1958) alla chiesetta di S. Pietro in Mavino (Sirmione, 1959); da Malegno ad Adro (1961), Bomo, Calvisano (1966), Anfo (1967) Lavenone (1972), Ome (1977), per non dire della paziente attenzione prestata alle opere trasfugate dal Santuario della Stella nel 1969.

E d'altri recuperati capolavori può essere indice la allegata nota bibliografica.

BIBLIOGRAFIA

«Brescia», giugno 1932, Una     o.ytra di giovani pittori del sindacato bresciano.

«IV Mostra del sindacato regionale di B.A.», Milano, 1933, Catalogo.

«Mostra d'arte - Gruppo artisti bresciani», Galleria D. Bravo, Brescia, 1934, Catalogo.

G.R. CRIPPA, Il gruppo dei bresciani alla mostra di via Pagan(@ra, «Il Popolo di Brescia». 25 aprile 1934.

«Il Mostra d'arte del sindacato prov.  B.A.», Brescia, 1934, Catalogo.

P.FEROLDI, Esame dei valori alla sindacale, «Il Popolo di Brescia», 23 dicembre 1934.

P.FEROLDI, «Arengo», a. Vlll, n. 1, gennaio 1935.

«III Mostra del sindacato prov.  B.A.», Brescia, 1936.  Catalogo.

P.FEROLDI, Orientamenti alla sindacale, «Il Popolo di Brescia», 26 novembre 1936.

P.FEROLDI, Precisazioni, «Il Popolo di Brescia», 2 dicembre 1936.

«IV Mostra del sindacato prov.  B.A.», Brescia, 1938, Catalogo.

P.FEROLDI, La quarta mostra sindacale, d'arte. «Il Popolo di Brescia», 15 febbraio 1938. «Mostra d'arte», Brescia, 11-25 gennaio 1940, Invito. «V Mostra del sindacato prov.  B.A.», Brescia, 1940, Catalogo.

P.FEROLDI, Orientamenti e indicazioni alla quinta sindacale, «Il Popolo di Brescia», I maggio 1940.

P.FEROLDI, Disegni alla Galleria di tresanda. Niccola, «11 Popolo di Brescia», 5 dicembre 1940.

E.VIGLIANI, Invito a na mostra, «L'Italia», 8 dicembre 1940.

P.FEROLDI, Pittori a convegno, «Il Popolo di Brescia», I I novembre 1941.

«VI Mostra del sindacato prov.  B.A.», Brescia, 1942, Catalogo.

O.L. PASSARELLA, La sesta mostra del sindacato provinciale, «Il Popolo di Brescia», 3 maggio 1942.

«Il Popolo di Brescia» ' 17 maggio 1942, L'assegnazione dei Premi dell'Ateneo e della B.S.P. «La Voce del popolo», 30 marzo 1946, A OYpitaletto il compimento di un voto. «Undici pittori all'Arte e cultura», Brescia, 19-30 maggio 1946, Catalogo.  PAGAJA, La mostra degli undi(,i, «L'Italia», 21 maggio 1946.

L.F.(avero), Mostra degli undi(-i, «Il Popolo», 23 maggio 1946.

AEQUUS, Nel mez-o e moderati gli artisti dél Gruppo B., «Giomale di Brescia», 8 maggio 1947.

0.DI PRATA, La collettiva dell'Associazioize artistica, «Il Popolo», I I maggio 1947. «Giomale di Brescia», 10 aprile 1948, Gli artisti premiati alla mostra sacra.

G. TURELLA, Il Santzíario.fra gli ulivi, «Il Popolo», 25 luglio 1948.

«Mostra d'arte bresciana», Salsomaggiore, 15-31 agosto 1948, Catalogo.

G.VEZZOLI, Novità nella ch,e.sa di Nuvolento, «L'Itaìia», 19 e 21 settembre 1948. «Giomale di Brescia», 27 dice'mbre 1948, Allo mostra dei presepi.

FAB, Le dieci interpretazioni della mostra in Episcopio, «Il Popolo», 2 gennaio 1949.  P. FEROLDI, Importan a della mostra in I,pist'opio, «Il Popolo», 16 aprile 1949.

«Mostra dei pittori e scultori... del Br-uttanome», Brescia, ottobre-novembre 1949, Catalogo.

G.V., Artisti del Bruttanome, «Giornale di Brescia», I novembre 1949.

L.FAVERO, La mosira del Bruttanome, «Il Popolo».  I I novembre 1949.  VA., Otto artisti del Bruttanome, «Giornale di Brescia», 23 febbraio 1952.

L.FAVERO, La ivo.stra del Bruttanome, «L'Italia», marzo 1952.

G.PANAZZA, «La Pinacoteca Tosio-Martinengo», Ed.  Alfieri e Laeroix, Milano, 1959.

G.VALZELLI, I Profèti e la tiérba.... «Br-uttanome», Vol. 1, (1962).

La seguente documentazione riflette esclusivamente l'attività di restauro.

«Giornale di Brescia», 10 novembre 1952, Nella vigna degli Artigianelli liti leggiadro mosai(,(ì.

G.VEZZOLI, Torna a , aguzzano l',4ssunta del Voretto, «Giornale di Brescia», 15 agosto1953.

L.MONDINI, Invito alla Piriacote(-a 'Iosio ,Ilartinengo, «Giomale di Brescia», 5 agosto 1954.

«Giornale di Brescia», 2 dicembre 1954, Restaurata la paia del pittore inquieto.

F. CALZAVACCA, Opera giovanile del Romanino? «L'Italia», 19 agosto 1955.

«Giornale di Brescia», 6 aprile 1956, Per la sistema-ione del Museo di Bren(ì.

«Giomale di Brescia», 4 settembre 19561 Il sottosegretario S(,aglia inaugura la Ilostra dell'Ottocento.

p.b., La Sacra.fàmiglia avvolta nel mistero, «Giomale di Brescia», 7 febbraio 1957.

«Giornale di Brescia», 9 novembre 1957, Si inaugura il restauro del nostro bel S. Gi()I'anni. «Giomale di Brescia», 30 settembre 1958, L'inizio dei restauri degli affreschi a Remedello.G. V., , L'incanto di S. Pietro per l'ospite di Sirmione, «Giornale di Brescia», 8 febbraio 1959. «Giomale di Brescia», 28 luglio 1960, Restauri a Malegno nel tempio di S. Andrea,

F.LECHI, Riportato all'antico splendore l'orologio dei Vac-(, dè le ure, «Giornale di Brescia», 23giugno 1961.

F.FRASSINE, Una bella iniziativa della --ona di Adro, «Giomale di Brescia», 8 settembre 1961.

«Giomale di Brescia», 29 settembre 1962, Si i-iapre la c,hiesetta a Favento di Adro.

«Giornale di Brescia», I I ottobre 1962, Festa a Favento di Adro.

M.VIGLIANI, Restituito all'antico splendore l'affresco dello S(-alvini, «Giornale di Brescia». 7 febbraio 1963.

A.BERTOLINI, Tempestivo restauro dei dipinti in S. Andrea di Malegno, «Giomale di Brescia», 26 marzo 1963.

A.BERTOLINI, Un patrimonio nelle chiese di Bormio, «Giornale di Brescia», 29 marzo 1963.  M.V.,

Un affresco quattrocentesco torna alla luce in S. Agata, «Giornale di Brescia», 7 agosto 1963.

«Giornale di Brescia», 3 novembre 1963, Una stupenda Crocifìssione rivelata in S. Agala. «Giornale di Brescia», 16 novembre 1964, Il trittico di S. Agata benedetto da uons.  Almici. «Giomale di Brescia», 28 aprile 1965, Ultime carezze all'angelo.

R.PETRUCCI, EYperti al lavoro a Calvisano, «Giornale di Brescia», 10 febbraio 1966. «Giomale di Brescia», 21 aprile 1966, A.ffieschi (-inquecenteschi in luce a palazzo Tosio Martinengo.

G.V., Inaugurata a Breno la mostra del restauro, «Giornale di Brescia», 26 aprile 1966. p.b., Restauro di pre-iosi dipinti alla Pinacoteca, «Giornale di Brescia», 2 gennaio 1967. «Giomale di Brescia», 30 aprile 1967, N ovi tesori d'arte a S. Francesco. «Il Giorno», 7 giugno 1967, Gli al ,f@eschi di Anfo saranno salvati.

P., B.G. Simoni, «Il Cittadino», 23 luglio 1967.

G.VALZELLI, Anche il sindaco di Anfi) sulla impalcatura per restaurar(, gli al re chi di S. Antonio, «Giomale di Brescia», 29 ottobre 1967. «Il Giorno», 9 novembre 1967, Scoperto da un contadino a Pertica Bassa. «Giomale di Brescia», 25 febbraio 1968, Restaurata la Pietà del Romanino. a.m., Preziosi affreschi del Cinquecento scoperti a S. Maria dello, Rose (a Calvisano), «Giornale di Brescia», 6 marzo 1968.

G.C. PIOVANELLI, Medi freschi di S. Francesco, «Giomale di Brescia», 6 novembre 1970.

«Giomale di Brescia», 5 ottobre 1971, Tornate alla Stella le opere trasfugale nel 1969. «Il Giorno», 4 agosto 1972, A Lavenone dopo lungo lavoro. «Giomale di Brescia», 29 settembre 1972, Restaurata la Pieve di S. Pancrazio a Montichiari.  S. FURLAN, Completamente restaurata la cappella della Vergine in S. Giovanni, «Giornale di Brescia», 3 aprile 1973.

«Giornale di Brescia», 8 febbraio 1974, I restauri della parrocchiale di Adro.  L. SPIAZZI, L'Abbazia di Rodengo, «Bresciaoggi», 14 settembre 1974.  P.V. BEGNI REDONA, Alla riscoperta del Gambara, «Giornale di Brescia», 22 ottobre 1974.  G.C. PIOVANELLI, Nella chiesa di S. Cristo, «Giomale di Brescia», 14 novembre 1974. «Giornale di Brescia», 26 giugno 1975, La chiesa di S. Cristo.

R.LONATI, Si lavora per restituire a S. Cristo l'antico splendore, «Giornale di Brescia», 28 dicembre 1975.

L.SPIAZZI, Ricoperta in Franciacorta, «Bresciaoggi», 4 settembre 1976, «Bresciaoggi», 20 maggio 1977, Presso 1.'aula magna di Economia.

«Giomale di Brescia», 14 giugno 1977, Affresco del Fcrramola a Economia.

«Bresciaoggi», 2 agosto 1977, Ricompare un Roi anino. (Nel teatrino Rovetta).

L. SPIAZZI, Alla Pieve di Cerezzate, «Bresciaoggi», 13 agosto 1977.

«Giornale di Brescia», 20 novembre 1977, Restaurati due lunettoni in S. Salvatore.

«Giomale di Brescia», 5 gennaio 1978, Restaurate 18 tele di Monti e Zanardi.

«Giornale di Brescia», 7 settembre 1978, Restauro di sette cappelle nella chiesa del Carinini,.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: