HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

SCALVINI PIETRO.  Brescia, 1718-1792.

Considerato il più dotato fra gli affreschisti bresciani del suo tempo, Pietro Scalvini fu alla scuola di Ferdinando Del Cairo, dal quale apprese «quella versione della bellezza fragile e un poco manierata per la quale i volti e i corpi delle sue figure hanno il profumo d'una delicata giovinezza muliebre e le espressioni sono addolcite in teneri sottintesi», figure non immemori però, con. il passar del tempo, di P. Longhi ' anche se nella maturità seppe attingere con decoro al Carloni e al Tiepolo.

Numerose le opere realizzate per chiese e palazzi, a volte in collaborazione; così come non pochi disegni dello Scalvini sono stati utilizzati nelle lastre da Crivellari, Zucchi e Cagnoni (Pinacoteca Tosio-Martinengo) o inseriti in libri ancor oggi visibili alla Biblioteca Queriniana.

Lungo dunque l'itinerario artistico del nostro pittore, e vario anche se svolto prevalentemente nel Bresciano: nelle parrocchiali di Bagnolo Mella, Berzo Inferiore, Borgosatollo, Carcina, Castrezzato, Ceto V.T., Cimmo, Cividate Camuno, Collebeato, Comero, Corticelle, Darfo, Gerolanuova, Gottolengo, Magno V.T., Marmentino; nel Santuario dedicato alla B. Vergine Annunciata di Marcheno, nell'abbaziale chiesa di Montichiari, ancora nelle parrocchiali di Mura, Nozza, Nuvolera, Pademo, Ono Degno, Preseglie; nella Pieve di Savallo e in S. Remigio di Vione.

In Brescia suoi dipinti adornano le chiese di S. Giuseppe, S. Giorgio, S. Gaetano, S. Carlino, S. Maria del Carmine; i palazzi Soncini, Fenaroli, Arici, Salvadego e il Ridotto del Teatro Grande.

Ed altri palazzi decorò a Ciliverghe (propr.  Mazzucchelli) a Manerbio (Luzzago) dove, proprietà del dr.  G.B. Reali, resta un S. Luigi Gonzaga firmato e datato: 1769.

Oltre i confini bresciani sua opera nota è quella realizzata per la bergamasca Madonna dello Spasimo, datata 1765.

Per una dettagliata titolazione e datazione dei dipinti su citati si rinvia alla «Storia di Brescia».

A sottolineare la validità dello Scalvini val dire che pel suoi dipinti fu fatta a volte attribuzione ad artisti quali Longhi (Ridotto del Grande).  Del pittore veneziano il Nostro a volte riflette i caratteristici personaggi, come in palazzo Soncini; aspetto questo, che contribuisce ad attenuare il pericolo del «melodramma decorativo».

Se di Tiepolo e Carloni sfrutta la lezione cromatica e compositiva, nel Longhi coglie l'aspetto antiretorico e più positivo, sia pure tradotto in chiave domestica.

BIBLIOGRAFIA

G.B. CARBONI, «Notizie storiche di pittoi-i, scuitor-i ... », 1776, Ed.  C. Boselli, 1962.

L.LANZI, «Storia pittorica dell'Italia», Bassano, 1795-1808, Ed. 1823.

E.NICOLI CRISTIANI, «Vita e opere di L. Gambara», 1807.

P.ZANI, «Enciclopedia metodica critico ragionata di B.A.», 1819-1824.

P.BROGNOLI, «Guida di Brescia», 1826.

A.SALA, «Pitture e altri oggetti di B.A.», 1834.

E.ODORICI, «Guida di Brescia rapporto le arti», 1853.

B.RIZZI, «Illustrazione della Valle Camonica», Pisogne, 1870.

S.FENAROLI, «Dizionario degli artisti bresciani», 1887.

A.GNAGA, «Guida di Brescia artistica», 1903.

C.BERRINI, Ciliverghe e il palaz o Mazzuchelli, «Illustrazione bresciana», 1909.

E.CANEVALI, «Elenco degli edifici monumentali... di Valcamonica», 1912.

GUERRINI-SINA, «Brixia Sacra», 1912, Per il libro di F. C'anel'ali.

P.GUERRINI, La parrocchiale di Gerolanuoi,a, «Brixia Sacra», 1913.

P.GUERRINI, Elenco delle opere d'arte della Di(>cesi di Bres(,ia, «Brixia Sacra», a. 1920 e segg.

G.NICODEMI, «I disegni della Pinacoteca Tosio Martinengo», 1921.

E.CAPRETTI, «La chiesa di S. Giuseppe in Brescia», 1922.

G.NICODEMI, «Guida di Brescia», 1926.

L.FEDOSTINI, «Storia tradizione e arte nelle vie di Brescia», 1927.

E.CALABI, «Pittura in Brescia nel '600-'700», 1935, con bibliografia.

A.MORASSI, «Catalogo delle cose d'arte e di antichità d'Italia: Brescia», Roma, 1939.

L.VECCHI, «Brescia», monografia per l'a. 1941-1942.

PANAZZA-BOSELLI, «Pittura in Brescia dal '200 all"800», 1946.

U.VAGLIA, Le testimonianze pittoriche dello Scalvini in Valsabbia, «Brescia-Lunedì», 5 gennaio 1948.

P. GUERRINI, Gli Scalvini a Brescia, «Giornale di Brescia», 31 marzo 1951.

«Giomale di Brescia», 4 gennaio 1955, Gli affreschi di palazzo Luzzago restaurati.

G.PANAZZA, «La Pinacoteca Tosio Martinengo», Ed.  Alfieri e Laeroix, Milano, 1959.  P.F. MURACHELLI, II Supplemento a Pittura in Brescia nel '600-'700, «Commentari dell'Ateneo», Brescia, 1960.

M.VIGLIANI, Il restaurato cielo del Ridotto (del Grande), «Giornale di Brescia», 7 febbraio 1963.

«Storia di Brescia», Voll. 111 e IV.

C.SABATTI - S. GUERINI, Dipinti inediti di P. Scalvini a Magno di V T., «Brixia Sacra», 1977.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: