HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

SAMPIETRI LUIGI.  Pontevico, 1802 - Brescia, 1853.

Seguendo la naturale inclinazione, fin da ragazzo disegna e dipinge; più che frequentare scuole d'arte preferì avvicinarsi ad artisti, fra i quali Francesco Hayez, a Milano.

Autodidatta, riuscì tuttavia a compiere opere di ampio respiro.  Nel 1837 è presente a mostra bresciana con l'opera Le ultime ore di Missolungi, uno dei fatti più noti della storia greca moderna.  Di poco posteriore Pia dètolomei: opere discusse, ma riconosciute frutto di temperamento, anche se bisognoso di disciplina.

Ritrattista, Sampietri lascia il proprio Autoritratto, presso la Pinacoteca Tosio Martinengo, in città, accanto a due ritratti di frati. t pure ricordato un Ritratto appartenuto al Pio Istituto orfanelle.

Alla mostra della pittura bresciana, nel 1934, figuravano: Autoritratto, Ritratto di Maddalena Zuccari e Ritratto di frate da identificare con uno alla Tosio.

BIBLIOGRAFIA

S. FENAROLI, «Dizionario degli artisti bresciani», 1887.

COMUNE DI BRESCIA, «Mostra della pittura bresciana dell'Ottocento», Brescia, 1934.  THIEME-BECKER, Vol.  XXIX, (1935).

L.VECCHI, «Brescia», monografia, 1941-42.

G.PANAZZA, «La Pinacoteca Tosio Martinengo», Ed.  Alfieri e Lacroix, Milano, 1959.

A.M. COMANDUCCI, «Dizionario dei pittori... italiani», tutte le edizioni.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: