HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

ROSA PIETRO.  Secolo XVI.

Figlio di Cristoforo (v.); secondo polizza d'Estimo, nato quando il padre aveva 23 anni.

Forse a motivo della attività paterna in Venezia, Pietro Rosa è stato allievo di Tiziano e suo prediletto.  Dal maestro è stato influenzato, pur dimostrando in alcune opere attenzione al Tintoretto e al Pordenone. Opere numerose, e rintracciabili a Ambras (Tirolo): alcuni ritratti nella sua spagnola del Castello; a Bagolino: parrochiale; Brescia: chiese di S. Francesco (S.  Michele), S. Giovanni Evangelista (Due guerrieri in una tela di T. Bona), S. Maria delle Grazie, Pavoniana (Visione di S. Eustacchio), in Duomo; oppure in alcune congregazioni: della Carità, dei Padri della Pace; nella Curia vescovile.  In provincia: a Farfengo, Iseo, Quinzano. Indicativa delle capacità di Pietro Rosa è la tela di S. Maria delle Grazie, Martirio di S. Barbara, unica, fra le «mediocri» che di lui si conoscono, accettabile «per lo schietto impasto cromatico». Controversa la data di sua morte: dapprima ritenuta possibile nel 1577 durante la peste; la data apposta nel retro del dipinto in Duomo lo dice ancora vivo nel 1619, quindi a settantasei anni. Per la nota documentarla si veda quella riferita a: Rosa Cristoforo.  Può essere utile anche la Voce: Rosa Stefano, che di Pietro fu zio.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: