HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

PEDRALI GIACOMO.  Secolo XVII.

Formatosi alla scuola del Sandrini, con il condiscepolo Domenico Bruni contribuì a continuare lo stile «festosamente barocco» del maestro in numerose decorazioni, specie a Venezia, Vicenza e nel Trevigiano.  Prospettive e architetture che Francesco Sansovino, nella sua «Venezia descritta», dice eseguite anche nel soffitto della chiesa di S. Martino, in palazzo Ducale, nella sala dove i Dogi solevano banchettare. A Vicenza, nel 1651, sempre con il Bruni, dipinse palazzo Piovene. Secondo il Faccioli («Museo lapidario vicentino») Giacomo Pedrali sarebbe morto circa l'anno 1660.

BIBLIOGRAFIA

C. RIDOLFI, «Le meraviglie della pittura», 1648.

M. BOSCHINI, «La carta del navegar pitoresco», 1660.

L.P. COZZANDO, «Vago curioso ristretto», 1694.

P.A. ORLANDI, «Abecedario pittorico», 1704, e Ed. varie.

F. BALDINUCCI, «Notizie di professori di disegno», Firenze, 1769-1774.

L. LANZI, «Storia pittorica dell'Italia», Bassano, 1795-1808, Ed. 1823.

D.M. FEDERICI, «Memorie trevigiane nell'arte», Venezia, 1803.

F. NICOLI CRISTIANI, «Vita e opere di L. Gambara», 1807.

P. ZANI, «Enciclopedia metodica critico ragionata di ß.A.», 1819~1824.

S. TICOZZI, «Dizionario di pittori, scultori», Milano, 1833.

S. FENAROLI, «Dizionario degli artisti bresciani», 1887.

A. UGOLETTI, «Brescia», Ist.  Italiano d'arti graf., Bergamo, 1909.  THIEME-BECKER, Voi.  XXVI, (1932).

E. CALABI, «La pittura a Brescia nel Sei-Settecento», 1935. «Storia di Brescia», Voi. 111.

 

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: