HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

NODARI G. BATTISTA.  Esine, 30 aprile 1881 - 17 novembre 1930.

Già v'è chi ha estesamente scritto di G.B. Nodari, ricordando la sua giovinezza vivacizzata da molteplici interessi e attività: pittura, musica e recite, ideazione di brevi drammi, frequenza di cenacoli con la conoscenza e l'amicizia di noti artisti, da Soldini a Domenico e Vindizio Pesenti a Guadagnini, dal quale ebbe i primi elementi pittorici. A sedici anni frequenta l'Accademia Carrara di Bergamo, allievo per breve tempo di Ponziano Loverini e poi di Cesare Tallone, maestro che ne determina la formazione e lo incoraggia proponendolo per aureo premio. Anche nella nostra città Nodari ha noto riconoscimento nel Legato Brozzoni, due volte vinto, ed altri ne seguiranno, anche in Roma. Nella capitale è negli anni 1902-1903 per adempiere il servizio militare presso il secondo reggimento bersaglieri.  Frequenta poi altre varie città, con la possibilità di scambi riflessi nella sua produzione artistica. Nel 1904 partecipa alla ben nota Esposizione bresciana; in città sarà pure presente ad alcune mostre dell'Arte in famiglia. Opere invia a Milano e Bergamo; a Venezia è accettato il ritratto dell'Arciprete, a Monaco Salomè, lodata dalla stampa internazionale.

Durante il primo conflitto mondiale è ufficiale al fronte, tuttavia ha modo di cogliere impressioni delle località attraversate, di fissare episodi guerreschi.  A Ferrara affresca la casa del soldato e non manca di eseguire ritratti di colleghi e superiori: S.E. Cadorna, il gen.  Porro, il maggiore Di Tullio, collocato nella sede del comando. Ma la serie si estende notevolmente: fra gli altri si ricordano i lineamenti dell'avv. Vitale Bonettini (propor.  Bonettini), di Margherita Grappoli, della Ignotafiorentina, indicata quale prediletta dal cuore del pittore, di Pietro Bersani, e Luigia Cassar Reali (propri.  Bersani-Roma), del Padre del pittore, del cav.  G. Maria Nodari, del capitano garibaldino Mazzoleni, presso la Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia, di Mons.G. Bonomelli, del dr. Vilmi, della Signora Giacomina Maraschini, (propr.  Maraschini), nonché alcuni Autoritratti scanditi nel breve arco di vita. Paesaggista dal taglio ampio e sicuro, dalla chiara luce, dalla campitura distesa, Nodari è altresì autore di opere sacre per alcune chiese a: Pianborno (Anime purganti, I ss. Carlo, Luigi, Antonio); Gussago (Sacrafamiglia); Cassano di Tremigna (S.  Giorgio); o a uguale tema ispirate, fra le quali citiamo: Giobbe della Pinacoteca bresciana, Ultime preci della Pinacoteca vaticana, premiata con medaglia d'oro da Papa Pio X; Frate cantore (pror.  Tirale), La preghiera (propr.  M. Grappoli), Cristo alla colonna (propr.  V. Franzoni), e, ancora, La Pietà (propr.  C. Franzoni), S. Giovannino (propr.  M. Bertolini), Al sepolcro (propr.  Nodari)... Una cospicua raccolta di opere è riprodotta nell'opuscolo edito nel 1980; vi si possono trovare composizioni che aiutano a penetrare l'animo di G.B. Nodari, scorrere pagine redatte dal pittore per note pubblicazioni locali: «Rinascita», «Illustrazione camuna», «La Valcamonica» nonché motivi della grande guerra riuniti in «Il Mitragliere».

Per decenni pressoché dimenticata, l'opera di Nodari è stata riproposta all'attenzione da amici ed estimatori, tanto che si annunzia una mostra commemorativa che, auguriamo, potrà alfine dare all'artista esinese giusta collocazione nella storia pittorica bresciana.

BIBLIOGRAFIA

«La Sentinella bresciana», 13 ottobre 190 1, Consiglio comunale. «La Sentinella bresciana», 26 aprile 1904.

GALMAS, «Il Cidneo-Giornale della Esposizione bresciana», n. 6, luglio 1904.

«La Sentinella bresciana», 8 agosto 1909, Il vernissage della mostra dipalazzo Bargnani. «Mostra d'arte - Arte in famiglia», giugno 1919.

La Sentinella bresciana» 7 novembre 1920, La mostra annuale dell'arte infamiglia.  G. BAGNI, La II' esposizione degli amatori d'arte, «La Provincia di Brescia», 17 settembre 192 1. (Si veda «La Sentinella bresciana», 22 settembre). «I' Mostra triennale d'arte», Brescia, maggio 1928. li Popolo di Brescia», 24 aprile 1928, Prima mostra triennale bresciana.

N.F.V. (icari), Altre opere alla triennale d'arte, «Il Popolo di Brescia», 31 maggio 1928.

M.C., G.B. Nodari, «Brescia», a. III, dicembre 1930.

R. PUTELLI, «Illustrazione camuna», a. 1929 e 193 1.

COMUNE DI BRESCIA, «Mostra della pittura bresciana dell'Ottocento», Brescia, 1934, Catalogo.

P. NODARI COLLA e AA.VV., «In memoria di G.B. Nodari nel X anniversario della morte», Tip.  Camuna, Breno, 194 1.

L. VECCHI, «Brescia», monogr. per l'a. 1941-42.

G. PANAZZA, «La Pinacoteca Tosio Martinengo» Ed.  Alferi e Lacroix, Milano, 1959.

«Storia di Brescia», Vol.  IV.

«Bresciaoggi», 24 dicembre 1974, G. B. Nodari.

«Giornale di Brescia», 22 dicembre 1979, Esine dovrebbe ricordare G.B. Nodari. «El Carobe», a. 1, 1980.

L. SANTINI, Esine ricorderà G.B. Nodari, «La Voce del popolo», 8 febbraio 1980.

A. CIBALDI, G.B. Nodari lettore di Esine, «Giomale di Brescia», 22 maggio 1980.

0. AMERALDI, AA.VV., «Il pittore G.B. Nodari», Tip.  Valgrigna, Esine, 1980.

A.M. COMANDUCCI, «Dizionario dei pittori... italiani», tutte le edizioni.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: