HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

MARONE BENEDETTO.  Secolo XVI.

Nipote di Pietro Marone (v.), frate dell'ordine dei Gesuiti, lascia opere a Brescia, dove dipinse pareti nella chiesa del Corpus Domini o S. Cristo e alcuni ambulacri ad @ssa annessi; a Verona, nella chiesa di S. Bartolomeo ed a Bologna, nel chiostro dei gesuati.  Sono vaste composizioni in cui si evidenziano influenze manieristiche, soprattutto dovute a Giulio Romano.  Omamentazioni che tolgono plasticità alle figure, anche a causa del colore tenuamente composto.  Tale estenuata pittura, si rinvigorisce in alcune zone voltate o in altre raffigurazione in cui più libera è la resa luministica. Benedetto Marone dipingeva ancora nel 1571.

BIBLIOGRAFIA

S. FENAROLI, «Dizionario degli artisti bresciani», 18 8 7. THIEME-BECKER, Vol.  XXIV (1 930).

«Storia di Brescia», Voi. 111.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: