HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

MAMELI FRANCO.  Cagliari.

Allievo del Maccioni, dal dopoguerra si è trasferito a Lumezzane e la sua presenza a mostre bresciane risale al tempo della prima vita della'A.A.B., intenta a consolidare le proprie strutture. Da necessità contingenti costretto ad attendere ad altra occupazione, Franco Mameli si è riproposto al pubblico negli anni Settanta, partecipando a concorsi provinciali

ed allestendo personali in Gallerie locali. Se le opere dedicate alla terra natia attingevano a personaggi e luoghi fatti dalla effusa luce «simbolo» di secolari condizioni di umiltà e di silenzi, i più vicini dipinti suggeriti dalla terra adottiva riflettono la concretezza delle nostre valli.  Ed anche il tratto pittorico s'è fatto più corposo, costruttivo; le sommesse o effuse atmosfere hanno lasciato spazio a netti contrasti, anche se la fatica dell'uomo ancor oggi alimenta il racconto di Mameli.  E come nel raffigurare la dura fatica vissuta nelle fabbriche valtrumpline il colore s'accende e si fa greve, così il raccolto paesaggio si fa compatto, concreto, come nella vallata che la quotidiana opera gli offre allo sguardo.Da qualche tempo s'è allontanato da Brescia.

BIBLIOGRAFIA

AEQUUS, Nel mezzo e moderati gli artisti del Gruppo B., «Giornale di Brescia», 8 maggio 1947.

F. SARDINI, «Galleria S. Gaspare», Brescia, 10-22 giugno 1972.

A. MAZZA, «Galleria S. Gaspare»@ Brescia, 18-30 gennaio 1974. «Arte bresciana oggi», Sardini Ed.  Bornato.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: