HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

LANDI ANGELO.  Salò, 17 giugno 1879 - 16 dicembre 1944.

Spirito irrequieto, contravvenendo ai desideri dei genitori, che lo volevano studente a Cà Foscari e poi diplomatico, Angelo Landi si trasferisce giovanissimo a M'Iano e, per diventare pittore, affronta umili lavori, decorando telai di letti in ferro e suppellettili varie.

Frequenta al tempo stesso l'Accademia di Brera, e in seno ad essa, a soli ventitre anni, si evidenze con un quadro, Affanni, ritratto della donna amata.  Trasferitosi a Venezia frequenta Sezanne e Dal Zotto, meditando nel contempo anche la pittura di Tranquillo Cremona, imitandone il fare nelle figure. Prime armi, dipinto a ventisei anni, è acquistato da re Vittorio Emanuele 111 e gli vale la nomina ad accademico di Brera. Dal 1905 inizia la attività di ritrattista che lo pone ben presto a gareggiare con il Selvatico e Amisani in Milano. Anziché arrestarsi su una «maniera» che gli dà numerose commissioni, con notevole fama, egli seguita la sua ricerca; dal romanticismo si accosta al realismo, sfruttando anche il pastello in grado di raggiungere delicatezza di accostamento, lucentezza e   plasticità. La prima guerra mondiale interrompe la già ben avviata scalata al successo: ma la sua professione è sfruttata dal Comando supremo dell'esercito che lo incarica di documentare fatti guerreschi.A conflitto concluso è incaricato di esporre quanto eseguito in America latina, ed a quel viaggio altro ne segue, in Africa, fin che il pittore può stabilirsi a Roma, dove apre studio in una «torre dalle antiche mura in Corso Italia».Riprende la fervida attività ed è difficile seguire tutte le mostre personali e collettive.  Venezia accoglie il pittore nostro nel 1912: vi espone Corredo; Brera ripetutamente lo invita.  Notevole l'affermazione personale riscossa a Ferrara (1928), dove è ammirato il Ritratto della moglie.

Ma le sue più numerose opere sono frutto di commissione, così val ricordare i ritratti eseguiti per il violoncellista Mainardi (Castello sforzesco); per la co: Cornaggia Medici, per il principe Giovanelli, per gli industriali Folonari, Wiihrer, Marzotto, per il prof.  Duse, per il dottor Rini...Sue composizioni varie sono: Battaglia della Sernaglia (Roma, Quirinale); Al Rubicone, (Permanente, Milano); Il cavallerizzoferito, (Pinerolo, Museo della cavallerizza); Il violinista, (Madrid, Museo d'arte moderna); Giordano Bruno, (Milano, Circolo galileiano); opere di paesaggio e figure nella Pinacoteca bresciana. Fra i numerosi impegni, Angelo Landi non trascurava di ricordare il suo lago: vi dedica così dipinti, lo ritrae in disegni pubblicati in periodici benacensi e alla terra natia fa ritorno anche per decorare numerosi edifici pubblici e privati. Nel 1936 si reca a Parigi e torna dopo aver realizzato le opere che il Comune di Salò esporrà per onorare il pittore, l'indomani della morte. Fra  le decorazioni e opere gardesane val citare almeno la Via crucis del Duomo di Salò, le composizionì in villa Bianchi a Maderno, in villa Simonini e nel municipio a Salò, nella parrocchiale di Padenghe, nel Palace Savoy Hotel e in villa Polenghi a Gardone... i noti S. Francesco e S. Chiara nel Vittoriale. Accanto a questi lavori, a quelli eseguiti in Milano, Olgiate Olona, Genova, sta il «ciclopico» dipinto nel Santuario di Pompei nel quale, su una superificie di centinaia di metri è raffigurato Il sogno, o visione, di S. Domenico, la Beata Vergine del Rosario che si eleva nella gloria del cielo e deifedeli. Affidata al pittore dopo concorso nazionale, l'opera nasce da ansie, da assiduo studio cui segue frenetica applicazione sugli alti ponteggi, tanto che Angelo Landi si ammala, facendo temere, oltre che per la stessa sua vita, per il compimento dell'impegno assunto.  Terminato il lavoro, torna al suo lago, dove poco dopo si spegne.

BIBLIOGRAFIA

Sta in: R. LONATI, Artisti di casa nostra, A. Landi, «Biesse», a. Xlll, n. 138-139, settembre, ottobre 1973.

B. PASSAMANI e AA.VV., «Angelo Landi», Magalini editrice, Brescia, 1980.  Catalogo alla mostra tenuta nell'estate 1980 a Salò.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: