HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

Cossali Grazio. Orzinuovi, 1563 - Brescia, 4 dicembre 1629.

Autore di grandi pale sacre, di lui non si conoscono altri soggetti dipinti.

Opere ha realizzato per gli altari di chiese del Bresciano, del Bergamasco, del Cremonese, del Pavese, del Milanese, della Lomellina e dell’Alessandrino.

Dipinse prevalentemente a olio, affrontando l’affresco solo raramente, e le sue composizioni sono di ispirazione controriformistica, stese con talento plateale. La perizia tecnica sempre lo sorregge, fin quasi dalle prime prove pittoriche; non così la cura esecutiva che talora vien meno a causa della febbrile attività a cui doveva essere connaturata una inevitabile fretta.

Ma la capacità di realizzare frettolosamente i temi richiesti dai committenti con ampie orchestrazioni di scene in cui non manca nessuno degli spunti devozionali suggeriti dalla Controriforma, gli permise di soddisfare i numerosi incarichi da parte di religiosi, i quali, come dimostrano alcuni documenti, dovettero apprezzarlo di più degli esperti d’arte.

Certo quelle opere erano apprezzate dal popolo, sospinto in chiesa dal desiderio, come scrive Luciano Anelli, di apprendere i misteri della dottrina. Anche se le vaste illustrazioni del Cossali, riempite di colori caldi e forti, che trovano a volte una loro coerenza tonale, ma a volte invece stridono per la violenza che viene loro usata o per la disarmante banalità degli accostamenti scelti.

Quando però Grazio si dedica con maggior impegno e minor enfasi a descrivere i soggetti religiosi, ottiene risultati notevoli; la sua pittura si fa allora viva, scintillante nei toni, riccamente ornata nei particolari minuziosamente descritti e rivela tutta la fermentante ricchezza che gli veniva dai contatti con la cultura manieristica di Milano, Venezia, Cremona e Pavia, oltre che – naturalmente – dalle radici bresciane.

Troppo spazio imporrebbe l’elencare tutte le opere di Grazio Cossali o a lui attribuite, un elenco redatto in “stretto ordine cronologico” sta in “Enciclopedia bresciana”, e di rigore è il rinvio alla “Storia di Brescia”.

BIBLIOGRAFIA

L. ANELLI, “Grazio Cossali”, Comune di Orzinuovi, La Nuova cartografica, Brescia, 1978.

“Enciclopedia bresciana”, Ediz. La Voce del popolo.

R. LONATI, “Dizionario dei pittori bresciani”, Giorgio Zanolli Editore, 1984.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: