HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

Corbellini Aride. Gardone V. Trompia, 24 giugno 1915 - Brescia, 23 febbraio 1961.

Di Primo e di Anita Faustinelli. Ancora piccolo si trasferì a Brescia dove frequentò le elementari. A quindici anni cominciò a frequentare lo studio di Emilio Pasini, dove rimase circa cinque anni, imparando soprattutto l’arte del ritratto. Fu poi allievo, nei corsi della scuola Moretto, di Giuseppe Mozzoni fino alla vigilia della leva militare. E da soldato fu in Istria (1939) dove eseguì alcuni disegni e poi ìn zona d’operazione in Francia ed in Jugoslavia dove si dedicò alla topografia ed evitò la deportazione fuggendo avventurosamente dal treno, a Fiume.

Il ricordo di quei tristi anni si riverserà nella sua produzione ricca di maschere e di teschi. Tornato dal servizio militare riprese con coraggio gli studi interrotti, completandoli nel 1948 con il diploma nell’Istituto d’arte P. Toschi di Parma. Ottenne presto cattedra a Chiari, successivamente a Vobarno, Palazzolo e infine a Brescia, negli Istituti tecnici Tartaglia e Benedetto Castelli.

Ebbe amici Ermete Lancini, Lusetti, Enrico Dusi, Claudio Botta, Pierca, Ragni e, fra i più giovani, Sardini e Zini. Ignazio Guarnieri lo iniziò all’incisione, mentre Oreste Rodini gli offrì studio in una casa di contrada Cavalletto.

Nel 1945 fu nella commissione che dette vita alla “Associazione artistica” di via Gramsci nella quale poi, dal 1957 e fino alla morte, coprì l’incarico di direttore della scuola di disegno.

Con la passione per la pittura s’era accesa in lui anche quella per la musica.

I paesaggi si alternano a figure e si ispirano ora alla tradizione figurativa, ora ai maestri italiani e francesi del primo Novecento per finire, dal 1950, alla lezione di Braque e Picasso.

Poche le mostre alle quali ha partecipato, ma di notevole interesse.

Fu anche scultore e verseggiatore, e nello scrivere versi di viva fede morì a soli quarantasei anni, roso da un’ansia di rinnovamento che sempre ha reso febbrile l’affiorare di quanto s’agitava nell’animo.

Recente l’apprezzabile omaggio reso ad Aride Corbellini da Angelo Paderni, titolare dell’Atelier del Arts-Antiquariato in Passirano. Avendo acquisito anni or sono l’intera opera incisa dell’artista, nell’agosto 2003 ne ha proposto una mostra, compiutamente riflessa nell’elegante catalogo dove, con l’affettuoso saggio dello stesso Paderni, è proposta la biografia di Corbellini tratta dalla prima edizione di questo “Dizionario”.

Sono 44 le lastre riprodotte e propongono paesaggi, nature morte, figure femminili come La Fornarina, Jole si pettina, Jole seduta, Maternità… Né mancano vedute cittadine, alcune delle quali rese con fare cubista.

Percorso ideativo, quello inciso, che poco si discosta da quello manifesto da Corbellini con la pittura, che tuttavia sembra aver attenuato l’inquietudine prevalente nelle opere da cavalletto.

BIBLIOGRAFIA

AEQUUS, Duecento opere di artisti bresciani, “Giornale di Brescia”, 25 ottobre 1945.

PAGAJA, La mostra degli undici, “L’Italia”, 21 maggio 1946.

L. F., La mostra degli undici, “Il Popolo”, 21 maggio 1946.

“Il giornale dell’arte”, 1 luglio 1946, Legato Zuccarelli.

E. LANCINI, Gli artisti bresciani parlano della loro mostra, “L’Unità”, 23 ottobre 1946.

“Mostra sociale della A.A.B.”, Brescia, 6 - 18 gennaio 1951. Invito.

G. VALZELLI, I Profeti e la turba…, “Bruttanome”, Vol. I (1962), p. 69.

E. DUSI, “Galleria A.A.B.”, Brescia, 26 dicembre 1964 - 7 gennaio 1965, per la mostra postuma.

“Giornale di Brescia”, 6 gennaio 1965, Il pittore A. Corbellini.

A. MORUCCI, Galleria d’arte, “Biesse”, a. V, n. 44, gennaio 1965.

Municipio di Gardone V. T., salone del consiglio, “Mostra postuma di A. Corbellini”, Gardone V. T., 5 - 25 febbraio 1966.

“Giornale di Brescia”, 5 febbraio 1966, A Gardone V. T. la mostra di A. Corbellini.

G. VALZELLI, L’omaggio di Gardone V. T. al pittore A. Corbellini, “Giornale di Brescia”, 13 febbraio 1966.

R. LONATI, Contrade di Brescia nella pittura, “Biesse”, a. VI, n. 65, dicembre 1966, p. 21.

“Giornale di Brescia”, 4 giugno e 24 settembre 1970.

A.A.B., “Mostra postuma dei Soci”, Brescia, 3 - 22 ottobre 1970, Catalogo.

L. SPIAZZI, “Galleria A.A.B.”, Brescia, 30 settembre - 12 ottobre 1972.

E. C. S.(alvi), Mostre d’arte, “Giornale di Brescia”, 11 ottobre 1972.

R. LONATI, Artisti di casa nostra, A. Corbellini, “Biesse”, a. XI, n. 160, 161, agosto-settembre 1975, con bibliografia.

“Enciclopedia bresciana”, Ediz. La Voce del popolo.

A. M. COMANDUCCI, “Dizionario dei pittori… italiani”, IV Ediz. (1971).

R. LONATI, “Dizionario dei pittori bresciani”, Giorgio Zanolli Editore, 1984.

R. LONATI, “Dizionario degli incisori bresciani”, Brescia, 1994.

R. LONATI, Incisioni: fra guerre e prigioni per approdare al paesaggio, “STILE Arte” n. 6, luglio 1996.

A. PADERNI, “Aride Corbellini. Le lastre incise”, Passirano, Atelier des Arts-Artigianato, 30 agosto - 13 settembre 2003.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: