HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

Brunetti Luigi. Cerreto di Gottolengo, 11 novembre 1905 - 11 giugno 1972.

Figlio di braccianti agricoli, a cinque anni perde la madre. Vive l’infanzia in estrema miseria e frequenta la scuola elementare del paese natio, iniziando molto presto a lavorare nei campi per rimediare di che vivere.

Nemmeno il servizio militare, prestato a Brescia, gli offre opportunità di migliorare le condizioni di vita; nemmeno il desiderio di farsi frate può realizzare: gli resterà soltanto l’appellativo di fra con il quale è conosciuto dai compaesani.

Nel 1948 - 1949 è ricoverato in una casa di cura a Torino: esplica mansioni di aiutante, che protrarrà anche nell’ospedale di Gottolengo, dove rimane fino al giorno della morte.

La scoperta, perché di scoperta si tratta, di questo pittore è avvenuta in città nel 1974 allorquando nella “Galleria” a lato della chiesa dei SS. Faustino e Giovita è allestita una rassegna dei suoi lavori a matite colorate: frutto di un ingegno “raffinato di persona lontanissima dai filtri culturali e da ascendenze”, com’ebbe a rilevare d. Luigi Salvetti nella introduzione al catalogo.

Entro due anni, due mostre ancora dedicate a questo ignorato e sfortunato artista. E si conosce così meglio un “balenante estro pittorico capace di una poesia allo stato puro, ingenua e visionario, fresca e fiammeggiante”.

Se per l’autore questi “segreti” fogli colorati e corredati di didascalie a volte non pertinenti al motivo rappresentato potevano significare una sorta di riscatto “un gesto consolatorio di una vecchiaia triste e solitaria, diventa il segno d’una ricchezza interiore rara anche in persone abituate ad una vita agevole e meno logorante”.

Ma al di là d’ogni considerazione resta il valore di quei disegni che, sortiti da un artista ignaro di maestri e scuole, si è espresso in modo fascinoso e permeato d’un altissimo linguaggio pittorico, ma soprattutto umano.

BIBLIOGRAFIA

L. SALVETTI, “Galleria Iniziative S. Faustino”, Brescia, 21 dicembre 1974 - 6 gennaio 1975.

L. SPIAZZI, Arte in città, “Bresciaoggi”, 28 dicembre 1974.

E. C. S.(alvi), Le mostre, “Giornale di Brescia”, 8 gennaio 1975.

G. STELLA, L. Brunetti “A. Studio”, a. IV, febbraio, marzo 1975.

“Galleria dell’incisione”, Brescia, febbraio 1976.

E. CASSA SALVI, “Studio G7”, Bovezzo, 29 gennaio - 11 febbraio 1977. (Riproduce la recensione a mostra del febbraio 1976, in “Giornale di Brescia”, 8 febbraio 1976).

R. LONATI, “Dizionario dei pittori bresciani”, Giorgio Zanolli Editore, 1984.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: