HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

Bresciano Giovita. Detto Il Brescianino. Secolo XVI.

Seguace del Gambara, assai operoso secondo quanto ci dicono le guide, ma le cui opere sono quasi del tutto scomparse.

Si conserva di lui un Presepio nella chiesa di S. Giorgio ma è “opera opaca” e da alcuni attribuita anche al Marone. è autore anche di un affresco sulla facciata di una casa signorile affacciato sulla piazzetta S. Giorgio, che però andò distrutto agli inizi del secolo nostro.

I suoi biografi ritengono sia morto assai giovane.

BIBLIOGRAFIA

Non propriamente specifica, stante il problema di attribuzioni varie.

L. COZZANDO, “Vago e curioso ristretto”, 1694.

G.A. AVEROLDI, “Le scelte pitture di Brescia”, 1700.

P.A. ORLANDI, “Abecedario pittorico”, 1704.

G.B. CARBONI, “Notizie storiche di pittori e scultori”, 1776, Ediz. C. Boselli, 1962.

L. LANZI, “Storia pittorica dell’Italia”, Bassano, 1795 - 1808, Ediz. 1823.

E. NICOLI CRISTIANI, “Vita e opere di L. Gambara”, 1807.

P. BROGNOLI, “Guida di Brescia”, 1826.

S. FENAROLI, “Dizionario degli artisti bresciani”, 1887.

G. P.(asini), Relique d’arte che scomodino, “La Sentinella bresciana”, 3 agosto 1910.

P. GUERRINI, Il castello degli Avogadro a Bagnolo, “Illustrazione bresciana”, 1 settembre 1911.

P. GUERRINI, Un salone affrescato da L. Gambara, “Storia e arte”, 30 settembre 1911.

P. GUERRINI, Due palazzi cinquecenteschi a Bagnolo, “Brescia Industria e Commercio”, a. IV, luglio 1924.

“Storia di Brescia”, Vol. III.

“Enciclopedia bresciana”, Ediz. La Voce del popolo.

R. LONATI, “Dizionario dei pittori bresciani”, Giorgio Zanolli Editore 1984.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: