HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

Bianchi Arturo. Adro, 12 ottobre 1856 - 7 luglio 1939.

Giovanissimo inziò la sua preparazione artistica per passare poi all’Accademia Carrara sotto la guida dello Scuri. Fu anche a Roma dove per tre anni frequentò l’Accademia libera e lavorò alacremente, come dimostrano alcune sue opere in raccolte bresciane.

Nel 1887 è a Venezia, presente alla Mostra nazionale con Rio Foscari, Ritorno dal lago d’Iseo. A Venezia si ferma quindici anni entrando in viva amicizia con Ettore Tito ed altri noti artisti. Partecipa alla Esposizione di Bologna (1888) con vedute veneziane e La modella. Alla Triennale di Brera del 1891 presenta Interno assai apprezzato. Compie un viaggio in Brasile, stabilendosi poi a Brescia fino al 1914 quando fissa definitivamente la sua dimora ad Adro, dove apre, in palazzo Bargnami - Dandolo, una scuola domenicale di disegno.

Continua a partecipare a manifestazioni artistiche come la Mostra lotteria del teatro Grande a favore dei combattenti o la vasta rassegna del paesaggio italiano sul Garda nell’inverno 1920 - 1921 o, ancora, le collettive degli Amici dell’arte (1920 in poi).

Fu pittore prolifico, tanto che un catalogo di vendite del 1937 comprendeva ben sessanta sue tele.

Fu, anche se raramente, affreschista, ma preferì il cavalletto per ritrarre vie di Brescia, angoli di Adro e d’Iseo. In morte lasciò cospicua donazione all’asilo di Adro. Una mostra commemorativa è stata allestita nella scuola elementare di Adro nel 1970. Troppo breve, la manifestazione ben poco ha giovato alla memoria di un artista meritevole di più vasta fama: per il valore delle opere giovanili dedicate a Venezia, condotte nella eco di antichi maestri nordici; per le marine dal caldo tono toscano (negli azzurri del cielo e del mare, nelle terre di campi riarsi), per i pacati toni ricreanti località vicine.

Caratterizzati da fine, armonioso contorno i pochi ritratti di fanciulle, rese con piani uniformi di tenui rosa sfiorati da tepida, effusa luce.

BIBLIOGRAFIA

Sta in: R. LONATI: Biografie di artisti bresciana, A. Bianchi, “Commentari dell’Ateneo”, Brescia, 1978.

Si veda inoltre: “III Mostra nazionale di pittura e scultura promossa dal Gruppo amatori dell’Arte”, Brescia, 6 - 20 maggio 1923. “Enciclopedia bresciana”, Ediz. La Voce del popolo.

R. LONATI, “Dizionario dei pittori bresciani”, Giorgio Zanolli Editore, 1984.

L ANELLI, “Il paesaggio nella pittura bresciana dell’Ottocento”, Brescia, La Scuola editrice, 1984.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: