HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

Bergomi Giacomo. Barco di Orzinuovi, 31 gennaio 1926 - Brescia, 23 settembre 2003.

Nato da una famiglia di contadini fittavoli, vive la fanciullezza nelle ristrettezze comuni a molte famiglie della Bassa bresciana, vivacizzata tuttavia dalla libertà di correre nei campi, temperata nelle sere delle fredde stagioni dalla riunione nelle stalle dei parenti e dei vicini. La passione per il disegno si manifesta ben presto e si estrinseca con “murali” stesi su pareti di cascine, di rustici e di chiese. Ultimata la scuola elementare è d’aiuto alla famiglia lavorando la terra, e nei momenti liberi “scarabocchia” fino al giorno del servizio militare; durante il periodo di leva, un ufficiale gli regala colori e pennelli. Di ritorno a casa, sotto la guida di Emilio Pasini apprende il primo sistematico indirizzo pittorico, ma dopo alcuni anni si allontana dal maestro a causa di incomprensioni. La seconda guerra mondiale, la morte d’un fratello lo portano nel Sud d’Italia (1947) e l’attrattiva di quel paesaggio e della vita di quelle terre lo induce a tornare. In Puglia vive lavorando nei campi, in cambio dei pasti e del giaciglio.

Nel 1949 è a Milano, vive nella desolata periferia metropolitana, esponendo per la prima volta nel circolo ACLI di Baggio, dove è ospite di un amico per il quale lavora. Vive poi la vita dei cantieri edili, duramente. Vende la prima tela in piazza Duomo a Milano, ed a Milano dedica la sua prima consistente produzione, avvicinandosi a Motton e al gardesano Bendinelli con i quali divide per qualche tempo la greve esistenza. Frequenta le lezioni serali dell’Accademia Cimabue, indi Brera: ha per insegnanti i proff. Salvadori, Franchi, Carpi e conosce D. Cantatore e Carlo Carrà. Alle soglie degli anni Sessanta un suo quadro appare alla Biennale milanese.

La morte del padre lo induce a far ritorno a casa (1957) e di questo anno è la sua prima mostra personale a Brescia. Per qualche tempo vive a Lograto, dove la famiglia si è trasferita, con studio in un vecchia chiesa sconsacrata. Nel 1960 inizia il soggiorno a Brescia dove apre studio in Rua Sovera (e dell’ambiente circostante coglie il popolaresco vivere, il lavoro delle lavandaie) quindi in via Trieste, vicino a S. Maria Calchera.

I suoi viaggi in Bulgaria, Grecia, Ecuador, Venezuela, sono noti ai bresciani: a ogni ritorno segue una mostra dedicata a questi paesi visitati per coglierne gli aspetti meno noti, ma forse più vivi, e più consoni all’animo: visi di contadini, case misere dai calcinati muri, vita sui campi. Un mondo portato dentro fin dall’infanzia e cercato in ogni luogo percorso. Ad ogni viaggio corrispondono anche scritti pubblicati in quotidiani bresciani e illustrati con disegni.

La lunga serie delle esposizioni, i consensi critici riscossi sono ricordati nella documentazione sotto riportata, e che nei decenni successivi si è ulteriormente arricchita, tanto da rendere difficoltoso seguire il ritmo delle mostre prodotte dal pittore.

Vale a condensarle tutte la grande rassegna dedicatagli da Orzinuovi nel settembre 2005, con la collaterale accolta a Palazzo Martinengo in città, alle quali prossimamente altra ne seguirà nel salone Vanvitelliano di Palazzo Loggia a cura di Giovanna Capretti.

L’insieme delle manifestazioni ha portato alla scoperta di straordinari dipinti, di vari inediti dedicati alle nevicate, rappresentanti l’ultima produzione.

La pittura di Bergomi, nel recenti decenni, ai noti soggetti ha coniugato anche l’osservazione “dell’acqua come tumulto” rappresentata nella mostra tenuta a Città Antiquaria dal 30 febbraio al 29 marzo 1999. È alfine palese l’ampia cultura iconografica che eleva l’autore a un classico del secondo Novecento italiano.

Ora più che mai l’itinerario creativo annoverante figure andine, contadini e lavandaie della Bassa, le loro cascine e i loro fienili, si presenta con eccezionale nitore compositivo oltre che cromatico, coniugante chiara immaginazione di fronte alla umile realtà.

BIBLIOGRAFIA

“Giornale di Brescia”, 1 settembre 1957, Premio Orzinuovi.

V. BOMPIANI, “Galleria A.A.B,”, Brescia, 30 novembre 1957.

L. FAVERO, La rassegna delle arti, “La Voce del popolo”, novembre 1957.

“I Premio nazionale Gesù lavoratore”, Ist. B. Angelico, Roma, dicembre 1957.

“Giornale di Brescia”, 22 marzo 1958, Il pittore G. Bergomi alla Biennale parmense.

E. C. S.(alvi), C. Corsi e gli altri… “Giornale di Brescia”, 29 agosto 1958.

“Giornale di Brescia”, 21 ottobre 1958, Lograto: Personale di G. Bergomi.

“Giornale di Brescia”, 22 maggio 1959, Città lombarde attraverso l’arte.

“Il Gazzettino di Verona”, ottobre 1962, Personale di G. Bergomi alla “Cornice”

GI. CI., Il pittore G. Bergomi alla Galleria Cornice, “Il Cardello”, Verona, ottobre 1962.

A. B., G. Bergomi, “Il Messaggero”, Roma, 21 novembre 1962.

B. M., Mostra di G. Bergomi, “Il giornale d’Italia”, Roma, 23 - 24 novembre 1962.

G. RABOTTINI, “Pensiero e arte”, n. 6, novembre - dicembre 1962.

(Riprodotto in: “Galleria A.A.B.”, 9 - 21 novembre 1963).

A. FRESCHI, G. Bergomi alla Galleria Camino, “Autori d’Italia”, Roma, dicembre 1962.

“Galleria d’Italia”, Roma, dicembre 1962.

“Galleria Traguardo”, Forte dei Marmi, 9 - 19 giugno 1963 (Brani di AA.VV.).

“Giornale di Lucca”, 18 giugno 1963 (P. Fortini).

R.M., Bergomi espone alla Galleria Ghelfi, “Corriere lombardo”, ed. Verona - sera, 12 - 13 ottobre 1963.

G. L. VERZELLESI, Mostre d’arte, “L’Arena”, Verona, 10 settembre 1963.

JO COLLARCHO, “Biesse”, a. III, n. 30, ottobre 1963.

G. RABOTTINI, “Galleria A.A.B.”, Brescia, 9 - 21 novembre 1963.

E. C. S.(alvi), Mostre d’arte, “Giornale di Brescia”, 17 novembre 1963.

G. TONNA, Le figure e la case di G. Bergomi, “Eco di Brescia”, novembre 1963.

JO COLLARCHO, Galleria d’arte, “Biesse”, a. III, n. 31, novembre 1963.

G. F. MAJORANA, “Momento artistico bresciano”, Tip. Apollonio, Brescia 1963.

“Storia di Brescia”, Vol. IV.

U. R., G. Bergomi espone a la Garitta, “L’Eco di Bergamo”, s.d. (gennaio 1964).

G. V. (alzelli), A Moro e a Bergomi il Premio di pittura Treccani…, “Giornale di Brescia”, 8 maggio 1964.

V. BUONASSISI, Anche Brescia vuole due facoltà universitarie, “Corriere della sera”, 4 agosto 1964.

M. G. MAZZUCCATO, La caccia alla A.A.B. “La Voce del popolo”, 10 ottobre 1964.

E. C. S.(alvi), La mostra della A.A.ß. sul tema della caccia, “Giornale di Brescia”, 10 ottobre 1964.

G. V., I pittori alla mostra della caccia, “Il Cittadino”, 11 ottobre 1964.

E. C. S.(alvi), Collettiva alla Piccola galleria, “Giornale di Brescia”, 11 ottobre 1964.

“La Voce del popolo”, 25 dicembre 1964. Invito alla grafica alla A.A. R..

A. MORUCCI, Galleria d’arte, “Biesse”, a. IV, n. 43, dicembre 1964.

“IV Mostra internazionale della Valle del Po”, Cremona 1964. Catalogo.

“Giornale di Brescia”, 27 marzo 1965, Noto pittore concittadino, distrugge…

G. V.(alzelli), La tre giorni di Montichiari, “Giornale di Brescia”, 12 maggio 1965.

“Giornale di Brescia”, 14 maggio 1965, G. Bergomi Premio Treccani degli Alfieri.

G. VALZELLI, Il Garda in un bicchiere, “Giornale di Brescia”, 4 giugno 1965.

“Galleria Scavi romani”, Desenzano, 6 - 26 giugno 1965.

G. V.(alzelli), Il pittore Bergomi a Desenzano, “Giornale di Brescia”, 15 giugno 1965.

A. MAZZA, Galleria degli artisti bresciani, G. Bergomi, “La Voce del popolo”, luglio 1965. Riprodotto in: “28 studi di Artisti bresciani”, ed. Squassina, Brescia 1966.

G. S., “Galleria A.A.B.”, Brescia, 16 - 28 ottobre 1965.

G. S.(tella), Personale alla A.A.B. di G. Bergomi, “La Voce del popolo”, 23 ottobre 1965.

E. C. S.(alvi), Mostre d’arte, “Giornale di Brescia”, 24 ottobre 1965.

“Mostra nazionale di pittura e scultura”, Bergamo, 15 settembre - 3 ottobre 1965.

A. MORUCCI, Galleria d’arte, “Biesse”, a. V, n. 52, ottobre 1965.

JO COLLARCHO, G. Bergomi in personale alla A.A.B., “Corriere della Valle”, ottobre 1965.

G. VALZELLI, “Galleria d’arte La Vernice”, Bari, 30 aprile - 11 maggio 1966.

“La Gazzetta del Mezzogiorno”, 8 maggio 1966 (cfr)

“Giornale di Brescia”, 29 maggio 1966. mar. L’ancora d’oro e il rilancio di G. Bergomi.

“Giornale di Brescia”, 14 ottobre 1966.

“Galleria A.A.B.”, Brescia, 14 - 26 ottobre 1966 (Personale per bianco e nero)

“Galleria G.A. Benedetti”, Legnago, 28 gennaio 1967.

“Corriere della Valle”, a. III, 21 maggio 1967, Settembre a Desenzano.

E. C. S.(alvi), Mostre d’arte, “Giornale di Brescia”, 26 novembre 1967.

G. V.(alzelli), L’anima orceana di G. Bergomi, “Giornale di Brescia”, 29 agosto 1969.

E. C. S.(alvi), Mostre d’arte, “Giornale di Brescia”, 2 novembre 1969.

A Natale una rassegna d’arte, “Giornale di Brescia”, 18 dicembre 1969.

A. MAZZA, Viaggio nella foresta dell’Ecuador, “Giornale di Brescia”, 22 gennaio 1971.

C. BARBERA - L. SPIAZZI, L’Ecuador di Bergomi, “Galleria A.A.B.”, Brescia, 13 - 23 novembre 1971.

“Giornale di Brescia”, 13 aprile 1972, A G. Bergomi, Caccia e Caffi il premio Leno.

“Galleria La cornice”, Desenzano, 27 maggio - 8 giugno 1972.

G. BERGOMI, Ospite degli Indios, “Giornale di Brescia”, 20 maggio 1973.

“Galleria S. Michele”, Brescia, 27 ottobre - 8 novembre 1973.

“Galleria La cornice”, Desenzano, 1 - 13 dicembre 1973.

G. STELLA, L’arte di G. Bergomi, “La Voce del popolo”, 28 dicembre 1973.

“Piccola Galleria U.C.A.I.”, Brescia, 5 - 17 aprile 1975.

G. STELLA, C. Bergomi, “A. Studio”, a. IV, aprile - maggio 1975.

“Galleria S. Michele”, Brescia, 30 ottobre 1975. (V’è un cenno redatto da G. F. Majorana).

“La Leonessa”, Brescia, 19 - 26 novembre 1976.

L. SPIAZZI, Arte in città, “Bresciaoggi”, 26 novembre 1976.

“Galleria L’Incontro”, Chiari, 4 - 31 dicembre 1976.

“Brescia - arte”, N. S., secondo semestre 1977.

“La Leonessa”, Brescia, 29 ottobre - 11 novembre 1977.

L.SPIAZZI, Arte in città, “Bresciaoggi”, 5 novembre 1977.

L. SPIAZZI, Arte in città, “Bresciaoggi”, 21 ottobre 1978.

“Galleria S. Gaspare”, Omaggio all’800 - ‘900 bresciano, Tip. Zemil, Brescia, dicembre 1978.

L. SPIAZZI, Giro dell’arte, “Bresciaoggi”, 5 maggio 1979.

G. STELLA, L’inconfondibile Bergomi, “La Voce del popolo”, 13 luglio 1979.

D. VALERI, “La cornice”, Desenzano, 28 aprile - 10 maggio 1979. (Il testo riprodotto è relativo ad una presentazione a mostra del 1968).

“La Leonessa”, Brescia, 22 settembre - 3 ottobre 1979.

AA.VV., “Brescia ‘80”, Brescia, 1 - 11 maggio 1980, Catalogo.

A.A.B., L’Ecuador di Bergomi, Brescia, 22 novembre - 4 dicembre 1980. (Con il patrocinio della Regione Lombardia).

G. STELLA, L’Ecuador di Bergomi, “La Voce del popolo”. 12 dicembre 1980.

“Arte bresciana oggi”, Sardini Ed., Bornato.

A. M. COMANDUCCI, “Dizionario dei pittori… italiani”, IV Ediz. (1971).

AA. VV., “Giacomo Bergomi, Brescia, Edizioni del Moretto, 1983. Con bibliografia tratta dal presente “Dizionario dei pittori bresciani”.

L. GOLDONI, AA. VV., “Mostra antologica di Giacomo Bergomi”, Orzinuovi, Scuola elementare, 20 agosto - 9 settembre 1984.

D. TAMAGNINI, “Giacomo Bergomi. Dalla Padania alle Ande”, Lograto, Villa Morando, 13 settembre - 11 ottobre 1987.

D. TAMAGNINI, AA. VV., “Bergomi”, Borgo San Giacomo, Palazzo Municipale, 9 settembre - 11 ottobre 1989.

D. TAMAGNINI, AA. VV., “Personale di Giacomo Bergomi”, Orzinuovi, Castello San Giorgio, 17 dicembre 1990 - 6 gennaio 1991.

M. P., AA. VV., “Giacomo Bergomi. Dalla Padania alle Ande”, Lograto, Palazzo Morando, 13 settembre - 11 ottobre 1992.

T. ZANA, Alle porte di Bergomi, “STILE Arte” n. 2, marzo 1996.

T. ZANA, L’acqua come tumulto, “STILE Arte” n. 25, febbraio 1999.

T. Z.(ana), Morto Bergomi, pittore della civiltà contadina, “Giornale di Brescia, 24 settembre 2003.

T. ZANA, F. FRASSINE, Interventi in “STILE Arte” n. 73, novembre 2003.

AA. VV., L’anno di Giacomo Bergomi, “STILE Arte” n. 91, settembre 2005. (Per il ciclo di mostre allestite in Orzinuovi e Brescia, Palazzo Martinengo, dal 5 ottobre al 15 novembre 2005).

F. L.(orenzi), Contadini e cantastorie, “Giornale di Brescia”, 27 ottobre 2005.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: