HOME | PRIMA PAGINA | ELENCO ARTISTI | AGGIORNAMENTI | E-MAIL |
 
 INFORMAZIONI DELL'ARTISTA
 

Bagnatore o Bagnatori Pier Maria. Orzinuovi, 1550.

Detto anche il BAGNADORE.

Di illustre e agiata famiglia sembra che abbia dimorato nel 1566 a Roma dove avrebbe studiato disegno e architettura, per ordine di Alfonso Gonzaga di Novellara, al quale poi vendette un Cristo alla colonna. Fu poi per molti anni alla corte di questi a Novellara, rivelando doti di artista eclettico. Pittore e architetto, qui si fa cenno della sua attività pittorica, rimandando per la notevolissima attività di costruttore alla estesa bibliografia allegata.

Come pittore, dunque, nel 1575 firma una Pietà, alla Pinacoteca Tosio - Martinengo; nel 1580 una Ascensione (Chiesa di S. Stefano, Novellara); nel 1582 - 1584 eseguisce affreschi al secondo piano del castello vescovile di Velturno (Bressanone); nel 1588 dipinge Cristo morto fra la Giustizia e la Misericordia, in S. Afra; nel 1592 data l’Annunciazione in S. Maria dei Miracoli; nel 1594 firma e data il Martirio di S. Margherita nella nostra chiesa di S. Francesco ed eseguisce forse la Strage degli innocenti pure in S. Francesco. Nel 1603 copia il Trasporto dei corpi dei Martiri bresciani del Moretto (Palazzo della Loggia) e nel 1604 eseguisce le Sibille nella lunetta di S. Afra; nel 1608 dipinge il Martirio di S. Lorenzo per la cappella di palazzo Fugger a Trento; nel 1611 affresca in parte la demolita chiesa di S. Domenico, in città. Dipinge inoltre un Presepio, una Circoncisione e una Adorazione dei magi per la Chiesa di S. Cristo, alle pendici del Castello, poi nel Seminario di Santangelo; una Natività per la chiesa di S. Carlo; una Natività e l’incontro di Anna e Gioacchino per la chiesa di S. Pietro in Oliveto in Castello; due tele dipinse per S. Maria del Carmine e un Ecce Homo nella parrocchiale di S. Rocco a Quinzano. A Orzinuovi aveva operato per le soppresse chiese dedicate a S. Francesco e a S. Vittore e forse è autore di un S. Rocco in quella di S. Maria delle Grazie, poi a S. Domenico. Rimangono la Incoronazione della Vergine, nella parrocchiale eseguita per la Commissione della Comunità nel 1575, per voto espresso durante la peste, e ancora, una Annunciazione nel palazzo comunale. A Rovereto gli è attribuita una Trinità nella chiesa di S. Antonio. I suoi studi di Orzinuovi e di Brescia, ricchi di dipinti e di raccolte di disegni e stampe, di cui il Bagnadore fu appassionato collezionista, furono venduti al co: Camillo Gonzaga di Novellara, ma quanto in essi v’era andò disperso. Giudicato un pittore povero di inventiva ma ricco di mestiere, abile nell’uso del colore, sapiente nell’uso della luce, fu influenzato dal manierismo e sentì forte la suggestione del Moretto. Operava ancora nel 1619.

BIBLIOGRAFIA

G.B. CARBONI, “Notizie storiche di pittori e scultori bresciani”, 1776. Ediz. C. Boselli, 1962.

B. ZAMBONI, “Memorie intorno alle fabbriche più insigni di Brescia”, 1778.

E. NICOLI CRISTIANI, “Vita e opere di L. Gambara”. 1807.

P. BROGNOLI, “Guida di Brescia”, 1826.

S. FENAROLI, “Dizionario degli artisti bresciani”, 1887.

THIEME - BECKER, Vol. II. (1908).

P. GUERRINI - A. SINA, Monumenti ed opere d’arte di Valle Camonica, “Brixia Sacra”, 1912.

C.A. MORI, “Le origini ecc.” I (1926), p. 178 e II, p. 68.

G. NICODEMI, “Guida di Brescia”, 1926.

L. FÈ D’OSTIANI, “Storia tradizione ed arie nelle vie di Brescia”, 1927.

C. TUA, P.M. Bagnadore architetto del palazzo del Diavolo a Trento, “Studi trentini”, 1935, n. 3.

G. VERGA, “Monumenti architettonici di Crema e dintorni”, Crema 1939.

A. MORASSI, “Catalogo delle cose d’arte e d’antichità d’Italia, Brescia”, Roma, 1939.

A. VENTURI, “Storia dell’arte italiana”, parte III (1940) e parte VII.

C. BOSELLI, L’architettura comunale ecc. “Atti del V convegno di storia dell’architettura - Perugia, 1948”, Firenze 1957.

“Storia di Brescia”, Vol. II e III.

C. BOSELLI, Gli artisti bresciani nei primi sei volumi del Dizionario biografico… (cfr), “Memorie storiche della Diocesi di Brescia”, 1965.

G. PANAZZA, Le manifestazioni artistiche sulla sponda bresciana..,, “Il lago di Garda”, Ateneo di Salò, 1969, p.236.

L. ANELLI, Un inedito di P.M. Bagnatore nella parrocchiale di Castenedolo, “Brixia Sacra”, 1970, nn. 4 - 5, p. 139.

L. ANELLI, Progetti del Bagnatore per il Duomo nuovo, “Brixia Sacra”, 1973, nn. 1 - 2, p. 24.

L. ANELLI, Su P.M. Bagnatore, chiarimenti e precisazioni, “Brixia Sacra”, 1973, nn. 3 - 4, p. 65.

L. ANELLI, Un nuovo Bagnatore, “Arte lombarda”, n. 40, e n. 41, 1974.

L. ANELLI, Note di architettura bagnatoriana in Valle Trompia, “Brixia Sacra”, 1974, n. 1, p. 29.

L. ANELLI, P.M. Bagnatore, “Brixia Sacra”, 1975, nn. 4 - 5, p. 162.

L. ANELLI, Il Bagnatore a Castenedolo, “Giornale di Brescia” s.d. (1978).

L. ANELLI, Colloquio coi Bagnatore, “Brixia Sacra”, 1978, n. 1, p. 1.

“Enciclopedia bresciana”, Ed. La Voce del Popolo.

G. PANAZZA, Conferenza tenuta a Orzinuovi in occasione delle celebrazioni dell’Artista. (Non risulta pubblicata).

R. LONATI, “Dizionario dei pittori bresciani”, Giorgio Zanolli Editore, 1984.

 
 


ENTRA

ENTRA

  


 

 

| HOME |
Codice Fiscale: